L’esterno azzurro Davide Zappacosta, neo acquisto del Chelsea, ha parlato ai microfoni di Rai Sport dopo la vittoria di misura contro l’Israele: “Il successo è stato sofferto perché loro si sono chiusi bene dietro. Siamo stati bravi ad avere pazienza e sono contento di aver dato il mio contributo.”

“Siamo un gruppo che deve dare sempre il 110%. Chiunque gioca dia il massimo. In Spagna non c’ero per scelta tecnica. Va bene così, bisogna accettarle e farsi trovare pronti quando si viene chiamati in causa.”

“La sconfitta di Madrid – conclude Zappacosta – ci ha fatto capire che dobbiamo essere compatti, squadra e combattere con il pallone per tornare ad essere un’Italia fastidiosa. Queste partite sono più difficili perché gli spazi sono chiusi. I playoff sono vicini: l’obiettivo è la qualificazione. Che arrivi diretta o con i playoff l’importante è centrarla”.

CONDIVIDI