Al termine della gara contro l’Uruguay, vinta dagli azzurri con un rotondo 3-0, Giampiero Ventura, commissario tecnico della Nazionale, ha analizzato la prestazione dei suoi ai microfoni di Rai Sport:

“Questa vittoria significa che alcuni degli obiettivi che ci eravamo fissati strada facendo gli stiamo centrando. Abbiamo concesso zero tiri in porta e abbiamo avuto tante palle gol. C’è ancora tanto da fare e poco tempo però è la conferma che questa sera dovevamo verificare il nostro modo di essere. Sono contento ma dovrebbero essere contenti loro”.

Il 4-2-4 in Spagna?
“Qui in Italia, in base ad un tiro un giocatore è bravo o meno. C’è da lavorare ma le cose sono in embrione. Dobbiamo metabolizzarle. Loro son stati bravi a mettere insieme le cose in poco tempo. Siamo sulla buona strada, c’è da lavorare ma sono contento”.

La gara in Spagna?
“Io non ho mai avuto sul farcela o non farcela. Sono nel calcio da tanti anni e credo che i proclami servino a poco. Serve la capacità di capire chi sei. Se noi lavoriamo in questo senso, niente ci è precluso. C’è la possibilità di diventare qualcosa di importante nel futuro”.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Diplomato al Liceo Linguistico, attualmente studio Economia e Management ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008