Il ct azzurro Giampiero Ventura ha concesso una lunga intervista a Il Mattino.

L’allenatore ex Torino ha ribadito di essere onorato di allenare gli azzurri e di come colmare il gap con squadre come la Spagna, ecco le sue parole:

“La chiamata è stata un motivo di grande orgoglio: avevo due anni di contratto ancora con il Torino e una buona offerta da una squadra importante. Ho barcollato e alla fine ho detto di sì… Scoprendo che è un pericolo ma stimolante. La sfida con la Spagna? Le critiche erano legate al fatto che tutti pensavano che noi fossimo più forti delle furie rosse, ma l’Under 21 azzurra ha subito tre 3 gol. Noi ne abbiamo presi 3 e anche la Juve, contro il Barcellona, ne ha presi 3. In questo momento c’è un grande dislivello. Come si colma questo gap? O aspettiamo che nasca un altro Totti o un altro Del Piero o mettiamo a lavoro e puntiamo alla crescita dei giovani”

CONDIVIDI
Di Catania, appassionato di calcio a livello internazionale ma interessato a tutti gli sport, passione per il giornalismo sportivo.