International Champions Cup annullata: le perdite economiche del calcio arrivano anche ‘dal futuro’

International Champions Cup ICC

In un momento nel quale nel mondo del calcio si naviga a vista, finalmente arrivano le prime conferme circa l’operatività per il futuro. Tramite un comunicato apparso sul sito ufficiale Relevent Sports Group, l’International Champions Cup del 2020 è stata annullata. La societá organizzatrice del torneo ha pubblicato il seguente comunicato sul suo sito ufficiale:

La salute di giocatori, staff, tifosi e di tutte le persone coinvolte nelle partite è sempre il parametro. La mancanza di chiarezza sulla distanza sociale, con la possibilità che i campionati europei e le competizioni UEFA vengano disputati ad agosto, fa sì che pianificare l’International Champions Cup quest’estate sia impossibile. Attendiamo con ansia di portare i migliori club e le più grandi partite negli Stati Uniti e in Asia nel 2021“.

La storia dell’International Champions Cup

Il torneo amichevole è stato istituito per la prima volta nel 2013. Inizialmente svolto negli Stati Uniti, a partire dal 2015 la competizione ha aperto i suoi confini e si è spostata prima in Cina e successivamente anche in Australia. Le squadre che prendono parte al torneo sono solitamente i top club europei in modo tale da poter espandere il mercato calcistico europeo anche nelle altre aree del Mondo dove non è ancora diffuso. Tra i Club italiani, quella con più partecipazioni sono Inter e Milan che hanno preso parte a tutte le edizioni del torneo dal 2013. Segue la Juventus con 5 partecipazioni, la Roma con 4 e conclude la classifica la Fiorentina con 2 sole partecipazioni.

I danni economici al mondo del calcio

Nonostante la cancellazione della ICC possa sembrare una cosa da poco per i tifosi, non sono della stessa opinione i club che hanno partecipano. Infatti, da quanto riportato da Calcio e Finanza, solamente nella scorsa edizione gli introiti dalla partecipazione per le squadre italiane al torneo sono stati ben 13 milioni di euro.

La squadra che ha guadagnato di più è stata la Juventus che, forte del suo appeal internazionale e della presenza di numerosi campioni tra cui Ronaldo, ha incassato 6 milioni di euro. Segue questa classifica il Milan con circa 3 milioni e chiudono Inter e Fiorentina con 2 milioni di euro a testa. Se agli occhi del lettore questi dati possano non significare molto, comparati con i dati del bilancio dei rispettivi club assumono tutto un altro significato. Infatti, se si fa riferimento ai ricavi da gara, Juve Milan e Inter hanno perso rispettivamente l’8%, il 9% e il 6% rispetto al totale.

Un valore non di poco conto dato che, in caso di prosecuzione del campionato, il valore aumenterà a causa delle gare che si disputeranno a porte chiuse. Leggermente diverso è il discorso per la Fiorentina, società che redige un bilancio consolidato. Infatti Il dato di 8,240 milioni di euro è preso dal rendiconto annuale terminato il 31 dicembre 2018. Il ricavo dalla passata ICC è invece stato di ben 2 milioni di euro, pari a circa 1/4 del dato di bilancio.

Non di meno importanza sono tutti quei ricavi indiretti che non vengono messi a bilancio. Il ricavo di Brand Awareness legati all’esposizione mediatica e alla vendita del merchandising dovuti alla partecipazione alla ICC in mercati non ancora penetrati, non è difatti calcolabile.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008