#InterMilan, Spalletti: “Abbiamo creato molto e avremmo dovuto segnare prima. Nainggolan? Starà fuori per un periodo”

Intervistato da Sky Sport al termine di Inter-Milan, il tecnico dei neroazzurri Luciano Spalletti ha parlato di quello che è stato il derby di Milano, vinto dalla sua squadra con un gol allo scadere di Icardi. 

L’allenatore toscano ha iniziato analizzando quella che è stata la prestazione della sua squadra, dicendo che ha meritato la vittoria viste le numerose occasioni create ma che avrebbe dovuto segnare prima. 

A seguire, l’ex Roma ha parlato della gestione della palla dei suoi uomini, delle tante palle recuperate, di come ha vissuto questo Derby ed, infine, delle condizioni fisiche di Radja Nainggolan, uscito anzitempo dal campo per via di un duro contrasto con Lucas Biglia

Ecco le parole di Spalletti:

“Lo sviluppo di partita voleva un’altra conclusione del match, ovvero che si facesse gol prima. Ce lo prendiamo anche all’ultimo, certo, ma avremmo dovuto segnare prima. La partita è sotto gli occhi di tutti, significherebbe sminuirla dire che abbiamo vinto perché ci abbiamo provato di più. Abbiamo giocato sempre nella loro metà campo, con la difesa alta e vanno fatti i complimenti a questa squadra. Abbiamo giocato meglio dell’avversario, dire che ci abbiamo provato di più è riduttivo della partita che abbiamo fatto. Si è parlato dei famosi “polpastrelli” per tre giorni quando si trattava di mano netta, ora parliamo in maniera corretta di questa partita”.

Ti sei goduto questo derby?
“No, perché sono venuto qui per lavorare e non per portare a casa uno stipendio. Devo riorganizzare il futuro dell’Inter e i giocatori devono fare lo stesso. Mi è piaciuto Icardi a fine partita perché ha parlato di continuità: dobbiamo dare continuità di vittorie, l’Inter ha scelto noi per riportare la squadra a livelli importanti che questo pubblico merita e dobbiamo dimostrare che hanno scelto bene”.

Anche la gestione di palla è stata ottimale.
“La lettura è corretta, volevamo andare in fase di possesso ad avere un mediano e due mezzali per giocare lateralmente a Biglia, ma a volte ci siamo riusciti e altre volte meno perché perdendo palla a volte c’è anche bisogno dei due mediani. Siamo stati bravi perché gli siamo sempre saltati addosso costringendoli a sbagliare quando si sono chiusi in fase difensiva e questo ci ha permesso di fare la partita che volevamo”.

L’Inter è stata più brava del Milan anche nel recupero palla e il Milan non si è mai reso pericoloso.
“Un compito non facile perché quando si decide di pressare di continuo la difesa deve stare su, pressare la squadra e non rischiare quando ti puntano nell’uno contro uno. Non abbiamo commesso errori e non gli abbiamo permesso di puntare sul loro palleggio, che è la loro qualità principale”.

Come sta Nainggolan?
“C’è da valutarlo, starà fuori per un periodo, vediamo di capire cos’ha”.

CONDIVIDI