#InterCagliari 2-0, i nuovi acquisti regalano il terzo posto ai nerazzurri

tifosi inter

L’Inter di Luciano Spalletti si conferma in campionato ottenendo la quarta vittoria consecutiva e trova così una continuità acquisita sempre più dopo la splendida vittoria in Champions contro il Tottenham. Decidono le reti dei neo acquisti Lautaro Martinez e dell’ex Sassuolo Matteo Politano. Buona prova del Cagliari che cede definitivamente solo nel finale.

Ecco la CRONACA del match.

Sin dai primi minuti è l’Inter ad avere in mano il pallino del gioco. I nerazzurri dominano gli uomini di Maran con continue azioni offensive da una parte e dall’altra del campo. La partita, dunque, si sblocca dopo pochissimo: è appena il 12′ minuto e i padroni di casa vanno in vantaggio con l’uomo più atteso, Lautaro Martinez, che di testa raccoglie un ottimo cross di Dalbert dalla sinistra ed insacca alle spalle di Cragno. L’ultima occasione limpida del primo tempo è ad opera del Cagliari, con Sau che spreca una ottima opportunità in area di rigore e calcia alto sopra la traversa anche se non di molto.
Nella ripresa la musica non cambia. L’Inter continua a spingere e dopo circa un quarto d’ora di quiete ecco lo squillo nerazzurro con: splendido il suggerimento di Nainggolan che mette Candreva a tu per tu con Cragno, ma l’esterno si lascia ipnotizzare dal portiere avversario e non centra la porta.
Al 72′ il pareggio degli ospiti gela i tifosi interisti al Meazza, ma per loro fortuna ci pensa il VAR ad annullare l’1-1 di Dessena, poi ammonito per proteste dall’arbitro Massa. Dopo questo episodio il Cagliari è scarico, sia fisicamente che mentalmente, e arretra sempre più, si scopre, fino all’epilogo più prevedibile: il 2-0 dell’Inter, stavolta ad opera di Politano, che chiude definitivamente i giochi.

Ecco le pagelle del match:

Inter (4-2-3-1): Handanovic 6,5; D’Ambrosio 6, de Vrij 6,5, Miranda 5,5, Dalbert 7; Borja Valero 6,5 (83′ Vecino sv), Gagliardini 5,5 (57′ Brozovic 6); Politano 7, Nainggolan 6,5 , Candreva 5 (70′ Perisic 6); Lautaro Martinez 7. A disp.: Padelli, Skriniar, Asamoah, Ranocchia, Vecino, Perisic, Joao Mario, Brozovic, Keita Baldè, Icardi. All.: Luciano Spalletti 

Cagliari (4-3-1-2): Cragno 6,5; Srna 6, Andreolli 5, Klavan 5,5 (46′ Pisacane 6), Faragò 5,5; Dessena 6, Bradaric 5 (60′ Joao Pedro 6,5), Barella 6 ; Ionita 5,5; Sau 5, Pavoletti 5. A disp.: Rafael Cabral, Aresti, Daga, Romagna, Pisacane, Pajac, Padoin, Castro, Cigarini, Joao Pedro, Cerri, Farias. All.: Rolando Maran 

TOP NOVANTESIMO – Lautaro Martinez 7: prestazione da incorniciare per l’argentino, che non fa rimpiangere capitan Icardi a riposo per scelta tecnica (la prossima settimana c’è la Champions). Suo il gol che apre le danze e mette la partita sui binari giusti per l’Inter, che poi chiude col 2-0 di Politano allo scadere

FLOP NOVANTESIMO – Candreva 5: C’è l’impegno, ma la sostanza è davvero poca. Nel primo tempo sbaglia numerosi passaggi e liscia su un bellissimo assist di Lautaro Martinez. Nella ripresa continua sulla scia del primo tempo e dopo una grande azione targata Perisic e Nainggolan sbaglia clamorosamente solo davanti alla porta.

 

Ecco il tabellino del match:

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, de Vrij, Miranda, Dalbert; Borja Valero (83′ Vecino), Gagliardini (57′ Brozovic); Politano, Nainggolan, Candreva (70′ Perisic); Lautaro Martinez. A disp.: Padelli, Skriniar, Asamoah, Ranocchia, Vecino, Perisic, Joao Mario, Brozovic, Keita Baldè, Icardi. All.: Luciano Spalletti FARE PAGELLE

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Srna, Andreolli, Klavan (46′ Pisacane), Faragò; Dessena, Bradaric (60′ Joao Pedro), Barella; Ionita; Sau, Pavoletti. A disp.: Rafael Cabral, Aresti, Daga, Romagna, Pisacane, Pajac, Padoin, Castro, Cigarini, Joao Pedro, Cerri, Farias. All.: Rolando Maran 

ARBITRO: Davide Massa (sez. Imperia)

MARCATORI: 12′ Lautaro Martinez (I), 90′ Politano (I)

AMMONITI: Andreolli (C), Bradaric (C), Pisacane (C), Dessena (C), Dalbert (I), 

ESPULSI:

NOTE: 0′ di recupero nel primo tempo; 4′ di recupero nel secondo tempo

 

 

 

CONDIVIDI
Ciao a tutti. Mi chiamo Giuseppe ed ho 21 anni. Frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli e, oltre che appassionato di scrittura di articoli calcistici, amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni.