L’ex capitano dell’Inter ed attuale vicepresidente della società nerazzurra, ha parlato ai microfoni di FourFourTow parlando anche della vittoria in Champions League nel 2010.

Queste le sue parole riportate da fcinter1908.it: La battaglia della prima tappa è stata quella di conoscere la nostra avversaria ed era la migliore squadra al mondo (il Barcellona). Sapevamo che avevano giocatori che potevano farti male in qualsiasi momento, giocatori di grande esperienza, che erano abituati a giocare questo tipo di partite, hanno giocato spesso una semifinale di Champions. Ricordo che nella partita di andata siamo andati sotto 1-0, ma eravamo certi che saremmo riusciti a recuperare, infatti abbiamo vinto 3-1 e avremmo potuto anche segnare altri gol. Quella squadra ha mostrato grande impegno e personalità. La verità è che tutti noi ci conoscevamo e avevamo capito bene cosa serviva per raggiungere questo obiettivo. Quella squadra era formata da grandi giocatori, ma soprattutto grandi persone con grande coraggio e valori umani. Penso che questo si vedeva ogni volta che andavamo in campo. Avevo compiuto il mio sogno. Più di ogni altra cosa, dal punto di vista personale, ero nel mio miglior momento perché avevo giocato 700 partite con l’Inter. Soprattutto era speciale per quanto i tifosi avessero combattuto per noi nel corso degli anni. Quello che i sostenitori avevano fatto per noi, per me era veramente emozionante. Quando siamo arrivati ​​a Milano alle 6 del mattino, San Siro era pieno, ci aspettavano con il trofeo. I tesori di quei ricordi li conservo nel mio cuore. Sono indimenticabili“.

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008