Inter, Spalletti: “Pressione? Ce la mettiamo da soli per fare sempre meglio”

Spalletti

Alla vigilia della delicata trasferta capitolina contro la Roma Luciano Spalletti ha risposto in merito alle domande che i tifosi dell’Inter gli hanno posto tramite Facebook, con la mediazione del portale InterTv: “Le partite sono tutte importanti, perché i tre punti sono fondamentali per andare avanti in classifica. Bisogna vincere le gare per un futuro che deve riguardare squadre come l’Inter”.

Attorno alla squadra c’è molta pressione.
“Noi ce la mettiamo da soli, perché bisogna fare sempre meglio. La Roma negli ultimi due campionati è arrivata seconda e terza, ha fatto quasi una finale di Champions League ed il proprio record di punti: se adesso noi dobbiamo andare obbligatoriamente a vincere in casa dei giallorossi, vuol dire che siamo cresciuti. E ci fa anche piacere (ride, ndr). Si tratta di una sfida difficile: loro sono forti ed avranno avuto la spinta dopo gli ultimi risultati”.

Che tipo di partita si aspetta?
“La Roma ha un modo di fare ben delineato e preciso: vogliono venire ad impostare nella tua metà campo, a riconquistare la sfera il più alto possibile, a costruire il gioco sempre dal basso. Molte altre squadre nel nostro campionato giocano in questo modo. Ormai il calcio si è evoluto, è migliorato”.

Qualcuno avrà bisogno di riposare all’Olimpico?
“Questa è una valutazione da fare, perché è così: dopo ciascuna partita c’è qualcuno più affaticato di altri. Dobbiamo tener conto anche del fatto che ci sono dei giocatori riposati che potranno dare il proprio contributo”.

Quali sono gli auspici per la trasferta capitolina?
“C’è voglia di fare qualcosa di importantissimo: l’essenziale è giocare nel modo giusto queste partite, cercando di mettere in pratica i criteri impostati in allenamento e tentando di andare a vincere il più possibile”.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it