Inter, Spalletti: “La sconfitta contro l’Atalanta? Non c’è bisogno di deprimersi. Le prossime saranno gare decisive”

Spalletti

Intervenuto ai microfoni di Inter TV poco prima della conferenza stampa di rito, il tecnico dell’Inter Luciano Spalletti ha rilasciato alcune dichiarazioni interessanti riguardanti il periodo dei neroazzurri e del tour de force che inizierà domani sera con il match contro il Frosinone

L’allenatore neroazzurro è ritornato, ancora una volta, sulla sconfitta subita dalla squadra per mano dell’Atalanta nell’ultima giornata di campionato, dicendo che non bisogna portarsi dietro depressioni da tali sconfitte, così come non bisogna portarsi dietro glorie dalle partite vinte. 

Successivamente, l’ex Roma ha parlato delle condizioni fisiche della squadra, dicendo che stanno tutti bene e che hanno voglia di giocare, del Frosinone, del turnover e di una possibile difesa a 3 contro i ciociari. 

Ecco le parole di Spalletti:

“Dalle partite vinte non ci dobbiamo portare dietro glorie particolari, da quelle in cui usciamo sconfitti non servono le depressioni, Sono cose che succedono, soprattutto se l’avversario si è dimostrato fortissimo come l’Atalanta in quel contesto. Noi siamo pronti: i Nazionali stanno bene. gli internazionali che erano qui alla Pinetina pure. Quindi si vogliamo giocare la prima partita di un pacchetto di gare importanti per il nostro futuro”.

Keita? “Non gli manca niente, è sfacciato, che è una caratteristica confinate con la garra”.

Il Frosinone? “Penso la stessa cosa che penso del nostro calcio: è una squadra allenata da persone che sanno fare calcio, con calciatori talentuosi”.

Il turnover? “Non riesco a capire quando si dice turnover, noi abbiamo una squadra di calciatori da Inter. Parlare di titolari e riserve non è nel nostro modo di ragionare, chiaro che i tre punti di domani siano importantissimi”.

Difesa a 3? “È possibile, la possiamo comporre facilmente e la sappiamo anche sviluppare bene. Ma domani difesa a quattro”.



CONDIVIDI