Il nuovo difensore dell’Inter Milan Skriniar appena arrivato a Riscone di Brunico, luogo dove la squadra nerazzurra sta svolgendo il classico ritiro estivo, ha mostrato tutto il suo entusiasmo, secondo quanto riportato da Calciomercato.com, rispondendo alle domande dei giornalisti presenti in conferenza stampa:

Ti aspettavi un salto di questo genere in così poco tempo?
“Non mi aspettavo questo perché solo due anni fa giocavo nel mio paese e adesso è incredibile ritrovarmi all’Inter”

C’erano altre squadre su di te, perché hai scelto l’Inter?
“Ho parlato con il mio procuratore e appena mi ha detto dell’Inter ho immediatamente dato la mia preferenza per la grande storia del club”

Spalletti ti ha subito messo accanto a Miranda
“È stato tutto molto veloce. Abbiamo iniziato a lavorare sulla linea difensiva con mister Spalletti e ho svolto lo stesso lavoro anche alla Samp con Giampaolo”. 

Sei stato valutato molto, ti rende orgoglioso o ti spaventa?
“È una cosa molto importante. La Sampdoria ha voluto questi soldi e io non posso dire niente. Dico solo che sono contento di poter essere qui ad allenarmi con questi grandi giocatori”. 

Che differenze ci sono tra Giampaolo e Spalletti?
“Ho sentito il mio ex allenatore qualche giorno fa e mi ha detto che è felice per me che adesso posso giocare con l’Inter”

È giusto dire che l’Inter non può fallire la qualificazione in Champions?
“L’Inter è un grande club e sempre vuole giocare per ambire alle alte posizioni in classifica. Spero che già da quest’anno questo possa accadere”

Qualche tuo compagno della Sampdoria ti aveva parlato dell’Inter?
“Tutti conoscono quella che è la storia di questo club ed è di quello che mi hanno parlato”. 

Credi di poter essere titolare?
“deve decidere l’allenatore, io lavorerò duro per migliorare”

Quanto è stato importante per te Giampaolo?
“Mi ha insegnato molto del calcio italiano e voglio ringraziare sia lui che tutta la Sampdoria”

Cassano aveva predetto il tuo futuro
“È vero, lui aveva avuto belle parole per me ed è bello che un giocatore come parli di me”

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008