Dopo il rinnovo del matrimonio siglato lo scorso anno, quando ad attirare l’argentino c’era il Napoli di de Laurentiis, che lo aveva individuato come post-Higuain, ipotizzare un addio a breve termine è quantomeno impossibile per Mauro Icardi: il capitano nerazzurro, felicemente a Milano e con un allenatore che potrebbe esaltarne le qualità, ha un contratto fino al 2021 e nessuna intenzione di partire, proprio adesso che le cose si fanno serie.

E l’Inter, dal canto suo, non ha nessun bisogno di vendere il proprio pupillo, difeso a spada tratta lo scorso anno dalle offensive estere e napoletane. Ad ottobre, allora, i dirigenti nerazzurri hanno intenzione di blindare l’argentino, vista la volontà da entrambi i lati di proseguire insieme.

Ecco perchè è previsto un allungamento della scadenza contrattuale fino al 2022, un anno in più rispetto al contratto attuale, oltre all’inserimento di una clausola rescissoria (180 milioni?) e un sostanzioso aumento da proporre all’agente-moglie di Maurito, Wanda Nara.

CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008