Inter, Lautaro elogia Icardi: “Come capitano vale 10”

Uno dei problemi principali per un calciatore non italiano che arriva in Serie A riguarda l’adattamento, non solo nel contesto calcistico ma anche in quello linguistico e culturale. Imparare la lingua è il primo passo per capire gli schemi e le indicazioni del mister e spesso un giocatore inizia l’anno con fatica proprio per questo motivo. Tra i tanti giocatori arrivati dall’estero, però, ce n’è uno che questo problema lo può affrontare grazie ad un compagno di squadra che è suo connazionale e capitano. Si parla di Luataro Martinez e Icardi, con i due attaccanti dall’Inter che in attesa di trovare l’intesa in campo dimostrano ottimo feeling fuori dal terreno di gioco e lo stesso Lautaro lo conferma a Fox Sport Argentina.

Come capitano merita dieci punti. Ogni volta che sorge un problema o che qualcosa può essere sistemata da uno come il capitano, allora lui è sempre lì. Chiede, aiuta e ogni volta che arriva un nuovo rinforzo cerca sempre di integrarlo all’interno del gruppo, aiutandolo in tutto quello di cui necessita”. 

Lautaro parla anche di Nazionale e Mondiale: “Non ci sono andato perché ero lento? Sampaoli non mi ha mai detto che ero lento, ma non andare in Russia mi ha fatto male”. 

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008