Inter, è Sebastiano Esposito la spalla ideale di Lukaku: per Conte è l’ora di lanciare il classe 2002

La sosta delle Nazionali ha portato diverse cattive notizie all’Inter di Antonio Conte. Con la maglia azzurra si è infortunato Danilo D’Ambrosio, uno degli uomini di maggiore esperienza e difensore che stava diventando fondamentale nelle gerarchie del tecnico pugliese. La principale tegola riguarda però il cileno Alexis Sanchez: proprio quando l’ex Manchester United sembrava aver ripreso una forma quasi ottimale è arrivato un brutto infortunio in Nazionale e l’attaccante resterà ai box sino all’inizio del 2020. Con Lukaku e Lautaro in panchina resterebbe teoricamente il solo Politano ed ora per Conte, sondato con insufficienza il mercato degli svincolati, è tempo di lanciare Sebastiano Esposito.

Il talento di Castellammare è stato sulle prime pagine dell’Equipè negli ultimi giorni: tra i 6 “enfant-prodige” più promettenti in ambito europeo, insieme (per dirne una) alla giovane stella del Barcellona Ansu Fati. Ora in casa Inter è tempo di lanciare questa nuova giovane stella.

Nei prossimi 22-23 giorni l’Inter dovrà affrontare un “tour de force” e, visto alcuni avversari non irresistibili sulla carta, Conte può lanciare questo giovane talento: Esposito è una seconda punta che, visto il fisico, può giocare anche da prima, dotato di un ottimo tiro e di una grande abilità sui calci piazzati. Rappresenta proprio uno dei giocatori che manca alla squadra di Conte, che, può quindi, estrarre dal cilindro una carta inaspettata. Il giocatore ha disputato l’intero pre-campionato con la prima squadra ed ha ben figurato contro compagini come il Manchester United ed il Psg. In allenamento sembra aver affinato un’ottima intesa con Romelu Lukaku, il cui rapporto anche fuori dal campo appare consolidato.

Anni fa Roberto Mancini lanciò Mario Balotelli: l’attuale centravanti del Brescia dimostrò subito, che, nonostante l’età, era un passo superiore a tutti gli altri. Esposito può ripercorrere questa strada e può essere l’arma in più per provare ad arginare il dominio incontrastato della Juventus. Personalmente proverei la coppia Esposito-Lukaku in qualche gara casalinga meno ostica, una delle sfide contro Parma o Verona, in programma nelle prossime settimane.

Esposito è un patrimonio dell’Inter e del calcio italiano e come tale va gestito. Nel recente passato i nerazzurri hanno lasciato andare via un talento come Zaniolo, ora non è stato fatto lo stesso errore ma adesso bisogna puntare anche sui giovani. Il Verona (certo realtà completamente diversa) sta lanciando il giovane di proprietà Inter Eddy Salcedo ed il giovane talento sta rispondendo alla grande. Ora tocca a Conte.

Negli ultimi due anni, tra Under 17 e campionato Primavera, Esposito è andato a segno diverse volte su calcio piazzato. Questo mostra la sua tecnica fuori dal comune e l’Inter, oltre a lanciarlo in campo, potrebbe fargli provare qualche calcio piazzato, problema mai risolto negli ultimi anni. L’ultimo campione a segnare con continuità su punizione fu Wesley Sneijder, il campione olandese che trascinò al triplete l’Inter di Mourinho.

Esposito è probabilmente il talento più precoce degli ultimi anni, il giocatore più giovane della storia dell’Inter a debuttare in una competizione europea ed il primo 2002 a giocare una competizione di Champions o Europa League. Il futuro è tutto dalla sua parte e chissà che, in situazioni di emergenza (o grande tranquillità) Conte possa lanciare il baby prodigio nelle prossime due sfide contro Sassuolo o Borussia Dortmund.

CONDIVIDI
Salve a tutti, mi chiamo Mario e sono un grande appassionato di calcio. Inoltre mi interesso anche ad altri sport come tennis, basket e nuoto. Per il futuro il mio sogno è diventare un grande giornalista sportivo. Non dico la squadra del mio cuore, sta a voi indovinarla... :=)

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008