Inter, ci vuole un Sergente a centrocampo

Sergej Milinković-Savić è il primo obiettivo per il centrocampo dell’Inter, il grande colpo per il salto di qualità in mezzo al campo per permettere ai nerazzurri di Conte di provare a spezzare il dominio in Italia della Juventus e dare battaglia per la conquista della Serie A.
Il centrocampista serbo, splendente nella stagione 2017/2018, ha avuto un rendimento non all’altezza delle aspettative nella scorsa stagione, in quella che sarebbe dovuta essere l’annata della sua definitiva conferma e consacrazione.

La spettacolare annata del serbo riassunta in video

Milinković-Savić, il riassunto dell’ultima stagione: delusione e mancata consacrazione

Analizzando i dati nel dettaglio, Milinković-Savić ha realizzato 5 reti e servito 3 assist, in 29 presenze totali, condite anche da 7 gialli e un cartellino rosso. In particolare il serbo ha tentato spesso la conclusione, 2.66 volte a partita, per un totale, con una media di una rete ogni 15.4 tiri per 492’ necessari a trovare la via del gol, con il 23.81% di conversione dei tiri verso la porta su quelli effettuati. Per quanto riguarda i passaggi, il Sergente, ha totalizzato in media 22 passaggi a partita, di cui 10 in zona offensiva per un totale del 80.99% di passaggi riusciti a match e 93.39% nell’area di rigore avversaria, oltre a 16 passaggi chiave e 18 creazioni di opportunità in stagione. Milinković-Savić si è anche disimpiegato molto bene in fase difensiva con 16 tiri bloccati, 105 contrasti totali e 432 duelli aerei effettuati.
Il motivo del suo rendimento al di sotto delle aspettative, oltre ad una stagione condizionata da qualche infortunio, è stato probabilmente un problema mentale (voleva già andar via dalla Lazio nella scorsa sessione di mercato) ma soprattutto il fatto che gli avversari hanno iniziato a conoscere il suo tipo di gioco, senza dimenticare che il serbo ha giocato in posizione più arrettrata spesso quest’anno anche per necessità dei biancocelesti.

Le sue migliori giocate nella stagione appena conclusa

Perchè Conte e l’Inter puntano su Milinković-Savić?

Allora perchè l’Inter e Conte vogliono puntare su di lui? In particolare Milinković è un giocatore ancora giovane, dal grande potenziale ancora inespresso. Inoltre è molto duttile, in grado di giocare sia da centrocampista centrale che da trequartista (ideale nel (3-4-1-2 o 3-5-2 di del neo tecnico interista) , capace di tentare spesso la conclusione da fuori area, molto bravo negli inserimenti senza palla e devastante nei duelli aerei, fondamentali per permettere alla squadra di salire o di trovare la spizzata vincente per un compagno vicino, come le statistiche sopra da me elencate hanno dimostrato, nonostante siano state più deludenti rispetto alla stagione precedente.

Il prezzo, vista l’annata non eccezionale, sarebbe inoltre pià basso rispetto all’estate del 2018 e con 70/80 milioni di euro totali (da vedere la formula del pagamento, se con contropartite o in prestito, ma il pagamento sarà sicuramente dilazionato) rendono Milinković-Savić molto appettibile all’Inter che, una volta ceduto a Mauro Icardi, è pronta a dare l’assalto al centrocampista serbo.
Un regalo per Antonio Conte ed i tifosi nerazzurri, quello che vorebbe fare la società interista.
Un regalo che permetterebbe di sognare in grande.

CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008