Inter, Carey di Goldman Sachs: “Sviluppata una struttura che garantirà una base solida. I creditori verranno pagati”

Suning Zhang Zanetti

Con i fondi, in vista del mercato invernale e delle questioni finanziare da risolvere, che tardano ad arrivare, l’Inter ricorrerà ad una nuova linea di credito da 300 milioni, con Bond presente sulle borse di Vienna e Lussemburgo, per estinguere i 218 milioni di euro di debito che i neroazzurri hanno contratto durante la gestione Thohir e che verranno restituiti a Goldman Sachs, advisor che aiuterà gli interisti anche in questa situazione.

Dell’operazione da svolgere, e che libererà la dirigenza dalla mancanza di introiti provenienti da Suning, ha parlato il responsabile della divisione sports finance proprio di Goldman Sachs, Greg Carey, che, in un’intervista rilasciata al Financial Times, ha spiegato come funzionerà questo prestito e a cosa servirà, dicendo che permetterà al club di ottenere basi solide con fondi necessari che serviranno a ripagare tutti i creditori.

Ecco le parole di Carey:
“Tale operazione fornisce ingenti somme aggiuntive al bilancio dell’Inter, permettendo al club di gestire le proprie attività senza dover contare sul supporto della proprietà. Il bond ha una struttura di pagamento “a cascata” che permette di utilizzare i flussi in entrata derivanti dai ricavi futuri per estinguere i debiti, prima che il club possa spenderli. Abbiamo sviluppato una struttura che fornisce una base finanziaria solida, garantendo che i creditori siano pagati e, allo stesso stempo, instillando disciplina al club”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008