Alessandro Bastoni vuole rimanere all’Inter. Il giovane difensore italiano, classe 1999, si è allenato nel ritiro estivo agli ordini del nuovo tecnico Antonio Conte ed è partito in tournèe con la squadra, convincendo sempre di più tutti sul suo valore.

Difensore centrale, giovane e dal piede mancino (l’unico in rosa nerazzurra in quel ruolo ndr), Bastoni ha commentato ad InterTV il suo arrivo in maglia interista dopo due anni dalla sua acquisizione passati in prestito ad Atalanta e Parma, dove in gialloblù è riuscito a trovare spazio per esprimere le sue potenzialità e acquisire esperienza.

Di seguito le sue parole: “È un onore per me rappresentare questi colori, sono due anni che speravo di arrivare qui e finalmente ho avuto questa occasione. Se sono qui devo ringraziare due società, la prima è l’Atalanta che mi ha formato sia come calciatore che come persona, la seconda è senza dubbio quella che mi ha lanciato nel calcio dei grandi, che è il Parma. Mi sono conquistato il mio posto in squadra, non era facile perché avevo dei grandi giocatori davanti, ma sono contento del Campionato che ho fatto e ringrazio ancora il Parma e D’Aversa che mi ha dato questa occasione. Conte? Sicuramente mi ha fatto capire subito dove sono arrivato. Lavorare con uno staff di primo livello e con grandi giocatori per me è un grande onore e privilegio e cercherò di imparare il più possibile. Sono qui solo da due giorni ma ho già potuto ammirare la qualità di questo gruppo sia dentro il campo che fuori. Mi hanno saputo prendere sin dal primo momento. Puntare sui giovani è un bel segnale, sia per il calcio italiano che per l’Inter”.

CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.