Simone Friis, agente di Jens Odgaard, talentuoso giovane del’Inter Primavera, ha parlato in esclusiva ai microfoni di FcInterNews.it. Queste le sue parole:

Cosa le ha detto Jens dopo la tripletta realizzata contro il Milan?
“Mi ha mandato un semplice messaggio. C’era scritto: “Credo che oggi sia andata molto bene…”. Poi abbiamo parlato su Facetime e ci siamo confrontati sul match”,

Immagino fosse felice…
“Certamente. Per tutta la settimana che ha preceduto la partita si era parlato dell’importanza del derby. Per la società. Ma anche lui ci teneva a fare bene. Ed è chiaramente contento di come sia andata a finire”.

Non ha esultato particolarmente dopo i tre gol segnati. Però forse per una questione di cultura. Freddo all’esterno, pazzo di gioia dentro sé stesso…
“Esattamente così. In ogni caso dopo sabato ha scritto sul suo profilo instagram: “Milano è nerazzurra”. Si è calato bene nello spirito interista…”.

Come vanno le cose nel capoluogo meneghino?
“Tutto ok. Tra poco cambierà casa e si trasferirà in un suo appartamento. Fino ad oggi ha vissuto con i compagni di squadra, migliorando la lingua e l’intesa con gli altri giocatori. Come detto le cose stanno andando per il verso giusto”.

Si è però già allenato con la Prima squadra, andando in tournée con i grandi. Che tipo di esperienza è stata per Jens? 
Fantastica. Mi ha detto che il livello dell’Inter è altissimo, si è trovato bene ad allenarsi con il team di Spalletti. Adesso però deve pensare a giocare bene per la Primavera. E a continuare a marcare tantissime reti per la squadra di Vecchi”.

Quando potrà compiere il grande salto? Dalla giovani alla prima squadra…
“Facciamogli fare esperienza e poi vedremo. Deve solo pensare a giocare al meglio e a segnare tanti goal. Il resto verrà di conseguenza”.

E Vecchi cosa pensa di lui?
È molto soddisfatto del suo rendimento. Come quello dei compagni di squadra. Per questo Jens dovrà continuare ad allenarsi duramente e a migliorare”.

Perché ha preferito l’Inter rispetto ai tanti altri club che lo volevano acquistare?
“È vero che molte squadre italiane avevano pensato al suo ingaggio, ma per rispetto nei loro confronti non svelerò quali fossero. Jens ha scelto i nerazzurri perché hanno un team molto forte. Ci sono tanti ’99 dalle ottime potenzialità. In più la società è stata molto seria nei suoi confronti. Lo hanno fatto visionare per molto tempo. Lo conoscevano bene e questo è stato importante per noi. Poi giocare nell’Inter può solo essere positivo nella carriera di un giocatore”.

C’è un giocatore al quale si sentirebbe di paragonarlo?
Non dirò nessun nome specifico. Jens è un attaccante potente e tecnico. Col fiuto del gol. E questo può bastare”

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista dal 2017, tifoso del Milan dal 1996. Nato a Catania, studia giurisprudenza e ama scrivere di calcio ed attualità. Ha pubblicato un libro dal titolo "CircoStanze" con la casa editrice "Prova d'Autore".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008