L’entusiasmante cavalcata dell’Inghilterra ai mondiali si è spenta nelle semifinali, ma ha ridato l’orgoglio calcistico ad un popolo che nell’ultimo ventennio non aveva avuto gloria.

Il merito di ciò va assegnato in parte al condottiero della spedizione Gareth Southgate, arrivato sulla panchina più ambita del Regno Unito dopo una lunga gavetta tra le giovanili.

Per l’ex difensore britannico potrebbe arrivare il rinnovo contrattuale fino al prossimo mondiale, Qatar 2022, dove la nazionale dei tre leoni vorrà dire la propria da protagonista.

CONDIVIDI