La prima parte del campionato è andata e che non sia una novità del nostro calcio, oramai, lo sappiamo tutti, ma nonostante ciò Theo Hernández trova sempre il modo di stupire.

Altra prestazione maiuscola del francese, che se la stagione passata veniva segnalato “solo” per le galoppate offensive ed in fase realizzativa, questa stagione sta facendo vedere ottime cose anche in fase di ripiegamento, sicuramente grazie anche qualche piccolo accorgimento datogli da Maldini che trova sempre il modo di parlarci nei post-partita.

Giocate e recuperi essenziali su quella fascia sinistra ormai consumata dai tacchetti del numero 19 che diventa decisivo negli ultimi minuti, a motore scaldato, con le discese palla al piede come un treno: la prima volta servendo Rebić che si vede negare la rete da uno strepitoso intervento di Reina, e la seconda, quella decisiva, con la chiusura in calcio d’angolo di Luiz Felipe.

Pericolo scampato? Assolutamente no, perchè se palla al piede è devastante, in area di rigore lo è ancora di più, staccando di testa su Muriqi e insaccando il pallone valevole per il 3-2 rossonero in pieno recupero, regalando al Milan gli ennesimi 3 punti di questo 2020.

A Milanello sono sicuri di avere in casa un giocatore tutt’altro che comune, con tutte le caratteristiche richiedibili per un terzino moderno.

Da qui a diventare il top dei terzini sinistri europei la strada è lunga, ma se per percorrerla si salta in sella al Freccia Rossa Theo, questa diventa inevitabilmente più corta.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008