Turki Alalshikh, attuale ministro dello Sport dell’Arabia Saudita, ha concesso un’intervista a La Gazzetta dello Sport dove ha trattato diversi argomenti come la scelta di giocare la finale di Supercoppa Italiana a Jedda, in programma tra Juventus e Milan.

Com’è nata l’idea della Supercoppa italiana a Jedda?
In Arabia Saudita il calcio italiano è popolare, vedrete uno stadio pieno e tanto entusiasmo. Sarà una festa che dimostrerà come la passione per il calcio accomuni i nostri Paesi”.

È un momento critico per l’Italia calcistica.
Sì, è così. I miei primi sogni dietro a un pallone sono nati con il Napoli di Maradona. Ammetto, sono un po’ mutevole: sono stato fan di Baggio e poi della Roma di Totti. Da qualche anno, però, mi ha rapito la Juve. Buffon resta un mito”.

Ha tentato altri nostri big?
Ci ho provato con De Rossi: nulla da fare. Gli italiani non ne fanno solo una questione di soldi, preferiscono l’aria di casa. Ma non mi rassegno, porterò top-player in Arabia”.

Intravvede altre opportunità in Italia per l’acquisto di un club?
La Roma è sempre stata nel mio cuore. Mi interessa acquistare un club in Europa. Chissà un giorno…”.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008