Il Milan vuole tornare grande: tre punti su cui concentrarsi nella prossima estate

Gattuso

Una stagione partita con ambizioni ed entusiasmo, si stava trasformando in un enorme incubo. Poi l’intuizione della dirigenza, probabilmente la mossa della disperazione, fuori Vincenzo Montella, dentro Gennaro Gattuso. 

Inizio pieno di difficoltà, alla prima partita sulla panchina del Milan, 2-2 a Benevento, primo punti dei campani in Serie A con gol al 95′ del portiere. Clamoroso. Altre incertezze accompagnano i rossoneri nelle settimane successive, poi la svolta. Verso la fine del 2017 il Milan acquisisce qualche certezza. Tanti punti ad inizio 2018 ed una volata Champions che è, al momento, complicata ma che fino a qualche mese fa, appunto, era impossibile solo da immaginare.

Probabilmente il Milan dovrà “accontentarsi” di giocare l’Europa League anche il prossimo anno, che potrebbe essere però quello della piena risalita del Diavolo. Cosa deve migliorare la dirigenza e lo staff tecnico nella prossima estate?

Allungare le rotazioni – Uno dei pochi problemi del Milan degli ultimi mesi è l’assenza quasi totale di alternative agli undici titolari. Due o tre, al massimo, le sostituzioni di un certo livello che può garantirsi Gattuso ad ogni partita. Non bastano. La dirigenza deve allungare le rotazioni del tecnico rossonero e sta già lavorando in questo senso: a parametro zero arriveranno Reina e Strinic. Ci sarà modo di acquistare poi qualche altra “riserva di livello”.

Acquistare due “top player” – Per fare il definitivo salto di qualità i rossoneri hanno bisogno di due tasselli, di due calciatori da novanta, di due, appunto, “top player”: un centrocampista ed una prima punta. Un centrocampista che sappia garantire quantità e qualità ed un attaccante che possa garantire 25/30 gol a stagione.

Sfruttare di più le palle inattive – Poche squadre possono vantare una coppia di centrali difensivi come quella dei rossoneri: Bonucci e Romagnoli danno tante garanzie. Ma hanno anche 5/6 gol stagionali nelle loro caratteristiche. I rossoneri devono lavorare di più e meglio sui calci piazzati per poter sfruttare le potenzialità dei propri saltatori.

Pochi punti, ma fondamentali. Se il Milan vuole tornare grande già nella prossima stagione, Gattuso e la dirigenza devono lavorare in questo senso.

Guarda Anche...

CONDIVIDI