Domenica si partirà ufficialmente, dopo dubbi, voci di annullamenti e smentite varie, la Coppa d’Africa è pronta a prendere il via domenica 9 gennaio, una notizia che non farà particolarmente piacere alle società di Serie A. Abbiamo letto e sentito più volte nelle ultime settimane lo scetticismo intorno alla coppa, le perplessità e i timori delle squadre del campionato italiano riguardano principalmente gli infortuni che potrebbero subire i calciatori, la loro condizione una volta rientrati che potrebbe non essere al top, il problema di perdere giocatori anche importanti per diverse partite di Serie A ma anche la paura legata al Covid-19 e l’attuale situazione critica in Africa.

Infatti, come si vedrà meglio nelle prossime righe, più squadre di Serie A dovranno fare a meno di diversi giocatori fondamentali per qualche partita, assenze che si aggiungono ad altre causate da infortuni che andranno così a peggiorare la situazione degli allenatori per il mese di gennaio e non solo. La Coppa d’Africa terminerà il 6 febbraio, i giocatori eliminati torneranno in Italia prima, gli allenatori in via del tutto eccezionale dovranno fare quindi il tifo contro i loro stessi calciatori, con la speranza che tornino a disposizione il prima possibile e senza alcuna defezione.

Di seguito citiamo le squadre che vedranno partire i loro giocatori, elenchiamo i calciatori di Serie A che saranno impegnati nella Coppa e fare qualche previsione su come gli allenatori sostituiranno i titolari o comunque quei giocatori che godevano di uno spazio importante all’interno della squadra.

AtalantaBoga (Costa d’Avorio). Per correttezza va specificato che Boga ancora non è ufficialmente un giocatore dell’Atalanta ma l’affare tra nerazzurri e Sassuolo è ormai formalizzato. A Gasperini non cambia molto, considerando che essendo un nuovo arrivato la situazione in casa Atalanta rimane uguale a quella prima del suo arrivo. Il tecnico dell’Atalanta si augura che Boga non abbia ricadute e altri problemi fisici dopo quelli accusati nelle ultime settimane. Guardando la situazione con ottimismo, Boga potrà riprendere il ritmo partita e tornare in Italia con minuti sulle gambe, prima di entrare definitivamente nel mondo Atalanta.

BolognaBarrow (Gambia), Mbaye (Senegal). Assenza pesante per Mihajlovic, che perde un titolare come Barrow. Verosimilmente il suo posto verrà prelevato da Orsolini, che a dicembre è tornato a giocare con più continuità offrendo quelle prestazioni che il suo allenatore si aspetta. Come alternative ci sono anche Vignato, Sansone e Skov Olsen. Pesa invece meno la partenza di Mbaye, non una prima scelta ma più una riserva.

CagliariKeita (Senegal). Il Cagliari vive un momento molto complicato in classifica e con uno spogliatoio che non sembra essere in grande armonia. Keita era partito bene per poi abbassare il livello delle prestazioni con il passare delle giornate. Il suo posto aveva iniziato a vacillare ma è normale che Mazzarri non faccia i salti di gioia all’idea di doversi privare di uno come Keita in un periodo così delicato. Come partner di Joao Pedro probabile promozione per Pavoletti, piuttosto utilizzato di recente, mentre Gaston Pereiro spera di avere più spazio.

FiorentinaAmrabat (Marocco). Le gerarchie di Italiano per il centrocampo sono chiare, Amrabat non rappresenta una delle prime scelte e al contrario il tecnico viola nella prima parte di stagione ha preferito altri giocatori. Parliamo comunque di un reparto, il centrocampo, dove Italiano può contare su molte scelte e per cui la partenza di Amrabat non è un grosso problema per la Fiorentina.

LazioAkpa Akpro (Costa d’Avorio). Discorso simile a quello fatto per Amrabat. Sarri non lo considera un elemento fondamentale, veniva utilizzato con più frequenza da Inzaghi e per cui il centrocampo della Lazio non ne risentirà troppo.

MilanBennacer (Algeria), Kessié (Costa d’Avorio), Ballo-Touré (Senegal). Assenze piuttosto pesanti invece per il Milan, con Pioli che dovrà fare a meno di due pedine titolari a centrocampo. L’allenatore rossonero utilizza spesso Kessié e Bennacer, che insieme a Tonali rappresentano dei giocatori chiave in mezzo al campo. Tonali dovrà quindi prendere le redini del centrocampo ma ha già dimostrato di avere la personalità giusta. Bakayoko potrà avere più minutaggio mentre non è da dimenticare il jolly Krunic, giocatore che Pioli utilizza in più parti del campo e che garantisce prestazioni discrete. Ballo-Touré invece essendo una riserva è un’assenza che pesa meno anche se fin qui le sue partite le ha giocate. In ogni caso, Calabria è appena rientrato dall’infortunio e quindi per le prossime partite, fino al termine della Coppa d’Africa, Pioli conterà su Davide, Theo e Florenzi.

NapoliKoulibaly (Senegal), Anguissa (Camerun), Ounas (Algeria). Spalletti, tra l’altro anche lui risultato positivo al Covid-19, ha i giocatori contati per le prossime partite. Oltre ai giocatori in Coppa d’Africa Spalletti dovrà rinunciare a diversi giocatori contagiati dal virus e, a meno di negativizzazione di alcuni calciatori nei prossimi giorni, per le partite che verranno il Napoli avrà la rosa contata. Koulibaly, out da inizio dicembre, partirà per il torneo e sarà indisponibile per altre partite. Con l’addio di Manolas, il Napoli si è coperto con l’arrivo (non ancora ufficiale) di Tuanzebe e nel frattempo Spalletti si affiderà a Juan Jesus e Rrahmani. A centrocampo pesa e non poco l’assenza di Anguissa, specie con la positività di Elmas e con Fabian Ruiz che sta recuperando dal Covid-19 e, anche se negativo, dovrà trovare la giusta condizione essendo stato fuori di recente anche per infortunio. Spazio quindi per Demme e Lobotka, mentre Ounas non ha trovato enormi spazi ed è una riserva a tutti gli effetti.

RomaDiawara (Guinea), Darboe (Gambia). Due riserve giallorosse, Mourinho non avrà grandi problemi in questo senso, che sorride invece per il recupero di Lorenzo Pellegrini.

SampdoriaColley (Gambia). Titolare importante per la Sampdoria, D’Aversa potrà schierare Dragusin con più frequenza, occasione importante per il classe 2002 che vuole mettere in evidenza il suo valore. La Samp nelle ultime uscite aveva trovato il giusto equilibrio e perdere un giocatore come Colley sicuramente non farà piacere a D’Aversa.

Salernitana – L. Coulibaly (Mali). Colantuono, alle prese con tanti, troppi giocatori positivi perde un giocatore su cui faceva spesso affidamento. Schiavone può essere rilanciato mentre Di Tacchio dopo alcune panchine e meno minutaggio del solito potrà riprendersi il suo spazio a centrocampo.

SassuoloTraore (Costa d’Avorio). Non un titolare fisso per Dionisi ma comunque un giocatore importante da utilizzare a volte a gara in corso e a volte dal primo minuto. Con il recupero di Djuricic mister Dionisi potrà avere una soluzione in più sulla trequarti per sopperire all’assenza momentanea di Traore.

SpeziaColley (Gambia). Diverse soluzioni offensive per lo Spezia con Thiago Motta che potrà rilanciare Agudelo dopo mesi di assenza, ci sarà spazio anche per Strelec. Colley non è un giocatore imprescindibile per Thiago Motta e nel frattempo conterà su altri giocatori per raggiungere i punti salvezza.

TorinoOla Aina (Nigeria). Nella prima parte di stagione del Torino Ola Aina è stato uno dei meno brillanti tra i giocatori che hanno giocato di più. Tuttavia, Juric si è affidato a lui più volte a causa dell’infortunio di Ansaldi e per cui, anche se non rendeva sempre al massimo, Ola Aina era utile per il Toro in quanto rappresentava una soluzione in caso di infortuni ed emergenze. Vojvoda, rilanciato da diverse partite, potrà giocare ancora di più e se riuscirà a convincere a pieno Juric potrà definitivamente scalare le gerarchie sorpassando Ola Aina.

VeneziaEbuehi (Nigeria). Zanetti rinuncerà al suo terzino destro, il quale godeva di una certa considerazione nelle scelte di formazione. Spazio dunque a Mazzocchi.

Hellas VeronaHongla (Camerun) Riserva nel Verona, i pensieri principali di Tudor ora riguardano ai casi di Covid-19 all’interno della squadra.

Risulta evidente che squadre come Milan e Napoli siano svantaggiate dallo svolgimento della Coppa, mentre altre squadre si priveranno di riserve e per cui sono meno colpite dalle assenze.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo