Ha senso parlare di Ibrahimovic al Bologna?

Fonte: Ac Milan

L’Italia è un paese dove ogni notizia che viene data dai mezzi di comunicazione viene passata al setaccio e fatta propria creando dei propri pensieri o delle proprie opinioni in merito a quanto viene raccontato. Nel mondo del calcio questo processo si amplifica ulteriormente soprattutto in merito alle notizie di calciomercato che vengono lette dai tifosi e subito si crea un processo d’immaginazione e di speranza senza eguali. Anche al tempo del Covid-19 vi state chiedendo? Si anche ora.

Ibrahimovic-Bologna: verità o fake news?

Provate in questi giorni ad andare, nel rispetto delle norme Covid, a Bologna e a chiedere a un qualsiasi tifoso felsineo la propria opinione in merito alla possibilità Ibrahimovic. Sono certo che la maggior parte sarebbe entusiasta di avere il campione svedese in squadra, ma la domanda è un’altra: ha senso parlarne ora dove non c’è certezza sul futuro?

Per gli addetti ai lavori che siano essi allenatori, dirigenti oppure giocatori parlare di calciomercato in questo momento è abbastanza complicato. Bisognerebbe addentrarsi in cose dette e ridette riguardo alla ripresa, alle varie modalità legate alla stessa e chi più ne ha e più ne metta. La volontà da parte di tutti credo sia quella di tornare a parlare di football e di quanto ad esso collegato. I giornalisti, furbi, questo lo sanno e cercano di portarli su sentieri a loro congeniali per creare scoop.

Questo ragionamento ha portato allo svilupparsi della notizia Ibrahimovic dopo le dichiarazioni di Sinisa Mihajlovic. Ha senso parlarne? Secondo me si, la situazione del paese oramai è nota. C’è bisogno di non pensare, distrarsi e tornare a fare ciò che più ci piace: confrontarci sugli aspetti del calcio. Per questo motivo, la vicenda Ibra, come tutte le altre relative al calciomercato, ad esempio la possibilità Cavani per l’Inter, merita di essere approfondita nonostante la stagione 2019/2020 non sia ancora di fatto terminata. Zlatan è tipo particolare, non sarebbe nuovo a colpi di scena.

La gente ha bisogno di sentirsi libera, va lasciata sognare per un futuro migliore e il calcio con le sue sfaccettature ne danno la possibilità. Non creiamo polemiche per nulla.

Lunga vita al football

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008