Guida in stato di ebrezza: patente ritirata a Verratti

Marco Verratti

“Ho vissuto tre giorni difficili, ho commesso uno sbaglio. So che non sarebbe dovuto succedere, ma è una cosa che può capitare a tutti, a prescindere dall’essere calciatori o meno”. Si scusa così nel corso di un’ intervista Marco Verratti, centrocampista in forza al PSG, in seguito al ritiro della patente di guida per circolazione in ‘stato di ebrezza’ nella notte fra Martedì e Mercoledì.  L’ ex Pescara ha provato a farsi perdonare con una prestazione di alto livello contro il Lille al Parco dei Principi, condita con un grandissimo assist a lanciare a rete Kylian Mbappé. 

“Mi sono scusato la mattina successiva, quando sono arrivato qui – continua Marco – sia al mister che alla società.  Ho raccontato tutto ai miei compagni, chiedo ancora scusa e spero che questa esperienza mi potrà servire per il futuro. Ho dei figli e un giorno dirò loro di non ripetere le cose che ho fatto. Chiedo scusa anche ai tifosi, so di avere un’immagine pubblica e questo è importante”.

SUL CALCIO GIOCATO – “Di sicuro continuerò a dare il 100% in campo, ora dovrò fare qualcosa in più perché ho qualcosa da farmi perdonare. Non succederà più”.

La società parigina comunque, è intenzionata a multare il centrocampista con una trattenuta pari al 5% dello stipendio mensile. 

CONDIVIDI
Vice Direttore Radio Frequenza Rossonerazzurra, Redattore Novantesimo.Com, Ex Direttore "L' Inter Siamo Noi"