#GodSavethePremierLeague – Introduzione all’Everton

Nome: Everton Football Club

Città d’origine – Liverpool, seconda città più importante del Regno Unito che deve il suo sviluppo al proprio porto sulla foce del fiume Mersey ed alle industrie sorte nel XIX° secolo

Stadio – Goodison Park (40.260 posti)


Soprannome – The Toffees (le Caramelle). Il soprannome ha origine da un negozio di caramelle di fronte a Goodison Park, che i tifosi dell’Everton frequentano spesso prima delle partite

Rosa

NUMERO NOME ANNO DI NASCITA RUOLO
1 Jordan Pickford 1994 POR
22 Marteen Stekelenburg 1982 POR
Da assegnare Jonas Loessl 1989 POR
2 Mason Holgate 1996 DC
4 Micheal Keane 1993 DC
13 Yerry Mina 1994 DC
38 Matthew Pennington 1994 DC
15 Cuco Martina 1989 DD
23 Seamus Coleman 1988 DD
Da assegnare Djibril Sidibé 1992 DD
3 Leighton Baines 1984 DS
12 Lucas Digne 1993 DS
8 Fabian Delph 1989 CC
16 James McCarthy 1990 CC
18 Morgan Schneiderlin 1989 CC
21 André Gomes 1993 CC
25 Jean-Philippe Gbamin 1995 CC
26 Tom Davies 1998 CC
Da assegnare Muhamed Besic 1992 CC
34 Beni Baningime 1998 CC
10 Gylfi Sigurdsson 1989 TRQ
11 Theo Walcott 1989 AD
Da assegnare Kevin Mirallas 1987 AD
20 Bernard 1992 AS
30 Richarlison 1997 AS
Da assegnare Yannick Bolasie 1989 AS
Da assegnare Henry Onyekuru 1997 AS
9 Dominic Calvert-Levin 1997 ATT
14 Cenk Tosun 1991 ATT
19 Oumar Niasse 1990 ATT
27 Moise Kean 2000 ATT

 
Allenatore – Marco Silva (confermato). Il giovanissimo tecnico lusitano, 42 anni appena compiuti, è stato scoperto dagli appassionati di calcio inglese nel 2017, quando ha preso le redini dell’Hull City dopo un’esperienza vincente in Grecia con l’Olympiakos. Nonostante alla fine del campionato 2016/2017 le Tigers siano retrocesse, Marco Silva è riuscito a mettere in mostra le proprie doti da tecnico. Dopo una parentesi non troppo felice al Watford, l’allenatore portoghese è tornato in auge proprio sulla panchina dell’Everton, che ha condotto all’ottavo posto la scorsa stagione. L’ex Hull City schiera spesso la squadra con un 4-2-3-1, le cui chiavi tattiche fondamentali sono un pressing alto, lo sfruttamento dell’ampiezza e soprattutto la creatività.

Analisi – L’Everton è si è stabilizzata ormai da nove stagioni nelle zone alte della classifica ed ha preso parte in più occasioni all’Europa League. L’obiettivo della dirigenza del club è pertanto la continuità: i Toffees sono chiamati a confermare quantomeno l’ottavo posto, ma il sogno dei tifosi è la settima posizione che potrebbe regalare alla squadra la partecipazione alla seconda competizione continentale. La concorrenza per la settima piazza è molto agguerrita, ma l’Everton ha tutte le carte in regola per arrivare davanti alle contendenti. Sono buone anche le possibilità di fare bene nelle coppe nazionali.

Probabile formazione – EVERTON (4-2-3-1): Pickford; Coleman, Keane, Yerry Mina, Digne; André Gomes, Schneiderlin; Richarlison, Sigurdsson, Bernard; Kean.                                             

Top player – Acquistato nell’agosto 2017 per una cifra vicina ai 50 milioni di euro, Gylfi Sigurdsson è l’uomo chiave dell’Everton di Marco Silva. Il trequartista islandese gioca in posizione centrale nel modulo del tecnico lusitano e offre lampi di classe sopraffina, fantasia e tecnica. Abile tiratore di punizioni e calci da fermo in generale, l’ex Swansea è stato lo scorso anno il capocannoniere dei Toffees con 13 reti in campionato, a cui vanno aggiunti anche 6 assist per i compagni. Un trequartista moderno dunque, al servizio dei compagni ma con il viziodel gol.

Giovane promessa – Richarlison è approdato all’Everton nell’estate 2018 e la cifra del suo trasferimento (40 milioni di euro) ha fatto molto discutere. L’attaccante brasiliano ha però risposto sul campo, sorprendendo tutti gli addetti ai lavori a suon di gol (13) e prestazioni convincenti, che gli sono valsi la convocazione alla Copa America poi vinta dalla Seleçao. La stagione 2019/2020 è molto importante per l’ex Fluminense, che deve confermare e possibilmente migliorare il rendimento dello scorso anno per esplodere definitivamente.


TRASFERIMENTI

Acquisti

NOME PROVENIENZA COSTO RUOLO
Moise Kean Juventus 27,50 mln ATT
André Gomes Barcellona 25 mln CC
Jean Philippe Gbamin Mainz 25 mln CC
Fabian Delph Manchester City 9 mln CC
Djibril Sidibé AS Monaco Prestito/2,5 mln DD
Jonas Loessl Huddersfield Gratis POR

Spesa per acquisti – 89,50 milioni di euro

Cessioni

NOME DESTINAZIONE COSTO RUOLO
Idrissa Gueye Paris Saint Germain 30 mln CC
Ademola Lookman RB Lipsia 18 mln AS
Nikola Vlasic CSKA Mosca 15,70 mln TRQ
Brendan Galloway Luton Gratis DS
Phil Jagielka Sheffield United Gratis DC
Mateusz Hewelt Miedz Legnica Gratis POR
Luke Garbutt Ipswich Prestito DS
Kieran Dowell Derby Prestito TRQ
Jonjoe Kenny Schalke 04 Prestito DD
Shani Tarashaj FC Emmen Prestito ATT
Sandro Ramirez Real Valladolid Prestito ATT
Harry Charsley svincolato CC
Ashley Williams svincolato DC

Incasso dalle cessioni – 63,70 milioni di euro


Miglior acquisto – L’acquisto più costoso non è sempre il migliore, ma l’ingaggio di Moise Kean da parte dell’Everton rappresenta una mossa di mercato oculata e lungimirante. Con una spesa contenuta (27,5 milioni di parte fissa e 2,5 milioni di bonus) i Toffees si sono portati a casa un prospetto molto talentuoso che può solamente migliorare. L’attaccante italiano approda a Liverpool con tanta voglia di dimostrare alla Juventus che ha sbagliato a lasciarlo andare ed è un giocatore che può permettere a Marco Silva di adottare soluzioni diverse nel corso della singola partita o del campionato grazie alle sue caratteristiche. Qualora l’avventura di Kean all’Everton non dovesse andare come sperato, l’età del ragazzo permetterà comunque al club di avere un ritorno economico in caso di cessione.

Possibile rimpianto – La cessione di Idrissa Gueye al Paris Saint Germain potrebbe essere deleteria per l’Everton. Il mediano senegalese garantiva copertura ed equilibrio al sistema di gioco di Marco Silva, ricco di tanti giocatori di qualità e talento ma poco propensi al lavoro difensivo. La perdita di un intenditore come l’ex Aston Villa potrebbe rendere la squadra più vulnerabile alle folate difensive avversarie, soprattutto Gbamin non dovesse dimostrarsi all’altezza.


Valutazione mercato – 6,5. L’Everton ha condotto un mercato volto a puntellare una rosa che aveva già una buona base. I Toffees hanno innanzitutto riscattato André Gomes, che bene aveva fatto la scorsa stagione, e successivamente hanno aggiunto gli altri tasselli. Pur non avendo doti tecniche eccelse, la duttilità di Delph sarà fondamentale nelle rotazioni di Marco Silva. Gbamin occupa invece la casella lasciata libera da Gueyé. Moise Kean porta freschezza e caratteristiche alternative in un attacco che non ha un titolare designato. L’operazione che ha portato Sidibé a Liverpool è ottima, poiché il terzino francese si giocherà il posto con Coleman ed arriva in prestito senza gravare troppo sulle casse societarie. Il voto complessivo del mercato con gli acquisti sarebbe 7, ma mezzo punto va tolto perché l’addio di Gueye potrebbe pesare molto.

Esordio in Premier League VS – Crystal Palace (T)

Ultima di campionato VS – AFC Bournemouth (C)

Obiettivo della società – Europa League.

Pronostico: 7°

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008