#GodSavethePremierLeague – Introduzione all’Arsenal

Nome squadra –  Arsenal Football Club

Città d’origine – Londra, più precisamente quartiere di Highbury, nel borgo di Islington.

Stadio – Emirates Stadium (60.432 posti)

Soprannome –  “The Gunners” (i cannonieri) deriva dai soci fondatori della squadra, membri della Royal Arsenal, un deposito d’armi del sud di Londra che riforniva l’esercito.

Rosa

NUMERO NOME ANNO DI NASCITA RUOLO
1 Bernd Leno 1992 POR
26 Emiliano Martinez 1992 POR
33 Matt Macey 1994 POR
5 Sokratis 1988 DC
16 Rob Holding 1995 DC
20 Shkodran Mustafi 1992 DC
21 Calum Chambers 1995 DC
27 Kostantinos Mavropanos 1997 DC
2 Hector Bellerin 1995 DD
18 Nacho Monreal 1986 DS
31 Sead Kolasinac 1993 DS
4 Mohamed Elneny 1992 CC
8 Dani Ceballos 1996 CC
11 Lucas Torreira 1996 CC
28 Joe Willock 1999 CC
29 Mattéo Guendouzi 1999 CC
34 Granit Xhaka 1992 CC
15 Ainsley Maitland-Niles 1997 CD
7 Henrikh Mkhitaryan 1989 TRQ
10 Mesut Oezil 1988 TRQ
19 Nicolas Pépé 1995 AD
24 Reiss Nelson 1999 AD
17 Alex Iwobi A996 AS
35 Gabriel Martinelli 2001 AS
9 Alexandre Lacazette 1991 ATT
14 Pierre-Emerick Aubameyang 1989 ATT
30 Eddie Nketiah 1999 ATT

Allenatore – Unai Emery (confermato): il Re dell’Europa League con tre vittorie consecutive con il Siviglia non è riuscito a replicare lo scorso anno con l’Arsenal ma la società ha deciso di riconfermarlo nonostante le sconfitta 4-1 in finale col Chelsea e il quinto posto in classifica. Sarà dunque un altro anno senza Champions per i Gunners che però continueranno il percorso di crescita con il tecnico spagnolo capace di offrire un gioco offensivo e propositivo grazie all’apporto dei terzini, la tecnica individuale di ogni giocatore e la quadratura di una grande squadra.

Analisi – Era dalla stagione 2012/2013 che l’Arsenal finiva l’annata senza nemmeno un titolo. Eliminazioni premature nelle coppe nazionali, la finale persa di Europa League e il quinto posto in campionato testimoniano una stagione aggiustata solo nel finale dopo un inizio molto difficoltoso. Rimane l’amaro in bocca per la brutta sconfitta nel derby europeo col Chelsea in finale con un pesante passivo di 4-1 e per un quinto posto che vede per un alto anno i Gunners fuori dalla Champions League. L’obiettivo per la prossime stagione sarà proprio questo: tornare a partecipare alla “coppa dalle grandi orecchie, anche se la concorrenza sembra spietata tra le due finaliste della passata Champions, il City campione in carica e il Manchester United, autore di una faraonica campagna acquisti.

Probabile formazione –  ARSENAL (4-2-3-1): Leno; Bellerin, Sokratis, David Luiz, Kolasinac; Xhaka, Torreira; Pépé, Ceballos, Aubameyang; Lacazette.

Top player – Pierre-Emerick Aubameyang stato capocannoniere della scorsa Premier League con 22 reti ad ex aequo con i due attaccanti esterni del Liverpool Salah e Mané, formando un inedito trio africano. Ha occupato, inoltre, il gradino più basso del podio per quanto riguarda i migliori marcatori dell’Europa League con 8 reti alle spalle del campione d’Europa Giroud (11 goal) e il neo acquisto del Real Madrid, all’epoca all’Eintracht Francoforte, Luka Jovic (10 goal). Il gabonese dimostrato una grande intesa  col francese compagno di reparto Lacazette ed è pronto a migliorare ulteriormente il suo score grazie agli innesti di qualità del club come Pépé e Ceballos.

Giovane promessa – Era dai tempi di Cesc Fabregas che l’Arsenal non poteva vantarsi di un centrocampista giovane e talentuoso quanto determinato e pronto per la prima squadra. Il francese era arrivato in punta di piedi dal Lorient per poi diventare titolare inamovibile per Unai Emery. Mattéo Guendouzi, classe 1999, ha collezionato 48 presenze stagionali in continua ascesa e giocando sempre con maggiori responsabilità e padronanza tattica. Il suo delicato compito di uscire dalla difesa per impostare l’azione offensiva esalta ulteriormente il suo brillante talento.

TRASFERIMENTI

Acquisti

NOME PROVENIENZA COSTO RUOLO
Nicolas Pépé LOSC Lille 80 mln AD
William Saliba Saint-Etienne 30 mln DS
Gabriel Martinelli Ituano 6,70 mln AS
Dani Ceballos Real Madrid Prestito CC

Spesa per acquisti – 116,70 milioni di euro

Cessioni

NOME DESTINAZIONE COSTO RUOLO
Krystian Bielik Derby 8,20 mln DC
Laurent Koscielny Bordeaux 5 mln DC
David Ospina Napoli 3,50 mln POR
Takuma Asano Partizan Belgrado 1 mln ATT
Cohen Bramall Colchester United Gratis DS
Danny Welbeck Watford Gratis ATT
Aaron Ramsey Juventus Gratis CC
William Saliba Saint-Etienne Prestito DC
Dejan Iliev SFK Sered Prestito POR
Carl Jenkinson Nottingham Forest Ignoto DD
Stephan Lichtsteiner svincolato DD
Petr Cech ritiro POR

Incasso dalle cessioni – 17,70 milioni di euro

Acquisto top – Battuta la concorrenza di Bayern Monaco e Napoli, l’Arsenal ha potuto portare a casa uno dei pezzi più pregati di questa sessione di mercato: Nicolas Pépé dal Lille per 80 milioni di euro. Dopo una prima stagione (2017-2018) da 14 goal e 5 assist in 38 partite, l’ivoriano classe 1995 è riuscito ulteriormente a migliorarsi l’annata successiva con una sensazionale “doppia doppia”. In 41 partite, Pépé ha siglato 23 reti e 12 assist rendendo impossibile la permanenza da parte del Lille. Il mancino è dotato di un’ottima visione di gioco oltre ad una straordinaria velocità in progressione dettata da un’accelerazione dirompente senza perdere lucidità negli ultimi metri di campo.

Possibile rimpianto – Nove anni di valoroso servizio con 371 gettoni e lo stesso numero di goal e assist (65). L’assenza di Aaron Ramsey si sentirà eccome all’Arsenal che di fatto perde un guerriero di mille battaglie, l’ultimo a mollare anche nelle situazioni più difficili. Il gallese è stato molto sfortunato dal punto di vista deglin infortuni, ma i numeri sono assolutamente dalla sua parte. La beffa dell’addio a parametro zero è un ulteriore rimpianto.

Valutazione mercato – 8 : Due colpi da novanta per i Gunners che si assicurano sia Pépé che Ceballos (in prestito), entrambi in orbita di molti top club europei. Rinnovata la difesa con le cessioni di Bielik e Koscielny sostituiti con il promettente Saliba, lasciato un altro anno in prestito al Saint-Ètienne, e l’esperto David Luiz, causando l’ira dei rivali del Chelsea. Kieran Tierney era il prospetto più talentuoso del Celtic e l’Arsenal non se l’è fatto scappare, assicurandosi un ottimo terzino sinistro. Interessante anche il colpo Martinelli dal Brasile. Capitolo cessioni: svincolati gli esuberi Lichtsteiner e Welbeck, l’Arsenal ha salutato definitivamente Cech, storico portiere ceco ritiratosi al termine della scorsa stagione, e Ramsey. Quest’ultimo probabilmente l’addio più doloroso, soprattutto perché senza ricavare alcun centesimo dopo quasi quattrocento presenze. invece più redditizio è stato il nigeriano Iwobi, destinazione Everton per 30 milioni.

Esordio in Premier League VS – Newcastle (T)

Ultima di campionato VS – Watford (C)

Obiettivo della società – Champions League.

Pronostico:

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008