#GodSavethePremierLeague – Introduzione al Chelsea

Nome: Chelsea Football Club

Città d’origine – Londra, più precisamente nel borough di Fulham

Stadio – Stamford Bridge (41.837 posti)

Soprannome – The Blues (I Blu), chiaro richiamo ai colori sociali del club 

Rosa

NUMERO NOME ANNO DI NASCITA RUOLO
1 Kepa 1994 POR
13 Willy Caballero 1981 POR
40 Jamal Blackman 1993 POR
2 Antonio Ruediger 1993 DC
4 Andreas Christensen 1996 DC
15 Kurt Zouma 1994 DC
Da assegnare Kenneth Omeruo 1993 DC
Da assegnare Micheal Hector 1992 DC
21 Davide Zappacosta 1992 DD
28 Cesar Azpilicueta 1989 DD
3 Marcos Alonso 1990 DS
33 Emerson Palmieri 1994 DS
Da assegnare Abdul Rahman Baba 1994 DS
5 Jorginho 1991 CC
7 N’Golo Kanté 1991 CC
8 Ross Barkley 1993 CC
12 Ruben Loftus-Cheek 1996 CC
14 Tiemoué Bakayoko 1994 CC
17 Mateo Kovacic 1994 CC
42 Marco van Ginkel 1992 CC
Da assegnare Danilo Pantic 1996 CC
16 Kenedy 1996 CS
19 Mason Mount 1999 TRQ
10 Willian 1988 AD
11 Pedro 1987 AD
22 Christian Pulisic 1998 AD
20 Callum Hudson-Odoi 2000 AS
Da assegnare Lucas Piazon 1994 AS
9 Tammy Abraham 1997 ATT
18 Olivier Giroud 1986 ATT
23 Michy Batshuayi 1993 ATT

 
Allenatore – Frank Lampard (nuovo). Leggenda del Chelsea e miglior marcatore di sempre in maglia blues, l’ex centrocampista è approdato subito sulla panchina del club di cui ha fatto la storia dopo una sola stagione al Derby County, con cui ha sfiorato la promozione in Premier League. Sebbene abbia fatto un ottimo lavoro con i Rams, il neotecnico del Chelsea resta un’incognita ad alti livelli: se saprà confermare quanto di buono ha fatto, i Blues potranno ambire al quarto posto. Lampard potrà sfruttare il seminato di Sarri, anche se potrebbe essere difficile vivere con l’ombra di aver raccolto l’eredità dell’allenatore italiano.

Analisi – Il Chelsea è pronto al salto nel buio dopo un’ottima stagione: nel 2018/2019 i Blues hanno infatti il massimo possibile, raggiungendo il terzo posto (Manchester City e Liverpool hanno viaggiato a ritmi insostenibili per la concorrenza) e vincendo l’Europa League. La stagione 2019/2020 rischia di essere di transizione: con l’arrivo sulla panchina di un tecnico giovane e poco esperto come Lampard e il mercato bloccato, che non ha permesso ai Blues di rinforzarsi a differenza dei competitor, il Chelsea sembra essere la squadra che ad oggi parte più indietro tra le Big Six. Gli obiettivi della dirigenza sono ben figurare in Champions League e possibilmente rientrare nelle prime quattro d’Ingihilterra anche a maggio 2020.

Probabile formazione – CHELSEA (4-2-3-1): Kepa; Azpilicueta, Ruediger, Zouma, Emerson Palmieri; Kovacic, Jorginho; Pedro, Barkley, Pulisic; Abraham.  

Top player – Pur non spiccando per doti squisitamente tecniche, il top player del Chelsea è N’Golo Kanté. Il mediano francese è un giocatore fondamentale per l’equilibrio di una squadra e spesso corre anche per i compagni di squadra. Negli anni è riuscito a migliorare anche sotto il profilo realizzativo, garantendo sempre la stessa intensità e quantità. L’ex Leicester non parte coi gradi di titolare per Lampard, ma sicuramente riuscirà a ritagliarsi lo spazio che merita.

Giovane promessa – Callum Hudson-Odoi è uno dei prospetti migliori del florido vivaio del Chelsea: dotato di ottima tecnica di base e buone doti fisiche, può giocare in tutti i ruoli dell’attacco. L’ala sinistra ha collezionato già l’anno scorso 29 presenze e quest’anno potrebbe far parte attivamente del turnover di Frank Lampard. Partito Hazard, il giovane attaccante inglese potrà trovare più spazio per mostrare le doti fatte intravedere al Mondiale Under17 vinto nel 2017.


TRASFERIMENTI

Acquisti

NOME PROVENIENZA COSTO RUOLO
Mateo Kovacic Real Madrid 45 mln CC

Spesa per acquisti – 45 milioni di euro

Cessioni

NOME DESTINAZIONE COSTO RUOLO
Eden Hazard Real Madrid 100 mln AS
Ola Aina Torino 10 mln DD
Tomas Kalas Bristol City 9 mln DC
David Luiz Arsenal 8,70 mln DC
Ethan Ampadu RB Lipsia Prestito/650mila DC
Todd Kane Queens Park Rangers Gratis DD
Eduardo Braga Gratis POR
Gary Cahill Crystal Palace Gratis DC
Lewis Baker Fortuna Duesseldorf Prestito CC
Danny Drinkwater Burnley Prestito CC
Matt Miazga Reading Prestito DC
Rob Green ritiro POR

Incasso dalle cessioni – 128,35 milioni di euro

Miglior acquisto – In una sessione di mercato bloccata per i Blues, il miglior acquisto non può che essere l’unico, quello di Mateo Kovacic. La mossa fatta dal Chelsea è intelligente non tanto per il valore tecnico del giocatore, che non ha fatto benissimo nella prima stagione in Inghilterra, bensì perché il club londinese ha sfruttato il diritto di riscatto per coprirsi soprattutto a livello numerico. Con la speranza, ovviamente, che il rendimento di Kovacic migliori nel corso di questa stagione, in cui parte da titolare.

Possibile rimpianto – Il giocatore aveva manifestato da tempo la volontà di andarsene per inseguire il sogno di giocare nel Real Madrid, ma quanto mancherà Eden Hazard al Chelsea. 110 gol e 92 assist in 352 partite sono difficilmente rimpiazzabili e, al di là dei numeri, l’undici dei Blues perde un giocatore di estro, imprevedibilità e talento. I 100 milioni incassati rendono il boccone un po’ meno amaro, anche se il blocco del mercato on ha permesso ai londinesi di reinvestire un tale tesoretto.


Valutazione mercato – 5,5. Il provvedimento che ha bloccato il mercato ha ovviamente spento sul nascere i sogni e le velleità del Chelsea. I Blues hanno quindi dovuto fare di necessità virtù: il riscatto di Kovacic era necessario ed è stato completato. La fortuna del club londinese è quella di avere molti giocatori sotto contratto, pertanto per completare la rosa sono bastati alcuni giocatori rientrati dai prestiti, alcuni dei quali si riveleranno molto utili, come ad esempio Bakayoko, Kenedy e soprattutto Tammy Abraham. Rischia però di pesare molto la perdità di un top player di caratura mondiale come Hazard.

Esordio in Premier League VS – Manchester United (T)

Ultima di campionato VS – Wolverhampton (C)

Obiettivo della società – Champions League

Pronostico: 6°

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008