#GodSavethePremierLeague – Introduzione al Brighton & Hove Albion FC

Nome: Brighton Hove and Albion FC

Città d’origine – Brighton & Hove, città costiera nella contea dell’East Sussex dell’Inghilterra.

Stadio – AMEX Stadium (30.666 posti)

Soprannome – Seagulls (Gabbiani), visto il grande numero di questi volatili di mare presenti sulle spiagge della città di Brighton. L’animale è presente sul logo della squadra dal 1977.

Rosa

NUMERO NOMEANNO DI NASCITA RUOLO
1 Mathew Ryan 1992 POR
23 Jason Steele 1990 POR
27 David Button 1989 POR
4 Shane Duffy 1992 DC
5 Lewis Dunk 1991 DC
14 Leon Balogun 1988 DC
33 Dan Burn 1992 DC
Da assegnare Matt Clarke 1996 DC
21 Ezequiel Schelotto 1989 DD
22 Martin Montoya 1991 DD
3 Gaetan Bong 1988 DS
30 Fernandes Bernardo 1995 DS
6 Dale Stephens 1989 CC
7 Beram Kayal 1989 CC
8 Yves Bissouma 1996 CC
24 Davy Propper 1991 CC
Da assegnare Tudor Baluta 1999 CC
20 Solly March 1994 CS
39 Soufyan Ahannach 1995 CS
13 Pascal Gross 1991 TRQ
19 José Izquierdo 1992 AS
Da assegnare Leandro Trossard 1994 AS
16 Alireza Jahanbakhsh 1993 AD
9 Jurgen Locadia 1993 ATT
10 Florin Andone 1993 ATT
17 Glenn Murray 1983 ATT
25 Tomer Hemed 1987 ATT


 
Allenatore – Graham Potter (nuovo): Cambio della guardia sulla panchina del Brighton con Tony Bloom, Presidente del club,  che dopo 4 anni e mezzo decide di sollevare dall’incarico Chris Hughton e ingaggiare nel maggio scorso Graham Potter. Il tecnico inglese ha fatto le sue fortune da allenatore in Svezia, più precisamente nell’Ostersund, squadra che ha portato in sette anni e mezzo dalla Serie C svedese ai sedicesimi di Europa League con tanto di vittoria della Coppa nazionale e naturalmente promozione in Allsvenskan, massima divisione locale. Predilige il 4-4-2 anche se nella sua ultima avventura allo Swansea, durata circa un anno, ha usato spesso il 4-2-3-1.

Analisi – La scorsa stagione sarà ricordata dai tifosi del Brighton più per la semifinale di FA Cup che per il campionato. Se nella principale Coppa d’Inghilterra i Seagulls si sono arresi solo dinanzi ai futuri campioni del Manchester City per 1-0, in Premier League i ragazzi dell’ormai ex allenatore Hughton si sono classificati 17esimi a soli 2 punti dalla retrocessione in virtù di un finale di stagione sottovalutato dall’intera rosa, già convinta di essere ampiamente salva. La società non l’ha presa bene e l’esonero di Hughton sottolinea come per il club la priorità è far bene in campionato cercando di salvarsi il prima possibile, vera prospettiva della società, per non rischiare di ritornare in Championship viste le enormi fatiche fatte dal Brighton, sia in termini economici che calcistici, negli anni passati in cadetteria.

Probabile formazione BRIGHTON (3-4-2-1): Ryan; Duffy, Dunk, Webster; Montoya, Propper, Gross, March; Locadia, Trossard; Maupay

Top player – Il Brighton, come molte squadre di Premier League, vanta vari giocatori interessanti nonostante non rincorra ad ambizioni europee. La stella della squadra è Lewis Dunk, difensore centrale nato proprio nella città dell’East Sussex ed autentica bandiera della squadra. Tenendo da parte il prestito mensile al Bristol City nell’ottobre del 2013, Dunk ha sempre e solo vestito la maglia del Brighton arrivando a 270 presenze. Le offerte non mancano, con molti big club inglesi sulle sue tracce, ma il capitano dei Seagulls si è sempre dimostrato determinato a rimanere a lungo all’AMEX. Conta anche un gettone in Nazionale maturato nell’amichevole con gli USA, dove rimase in campo per tutta la gara senza subire reti.
 
Giovane promessa – La squadra di Potter punta molto sull’esperienza e lo testimonia la quinta età media più alta della Premier League (27,7 anni). Tra gli undici titolari però spicca Yves Bissouma, 22enne maliano approdato in Inghilterra l’anno scorso dal Lille. La scorsa stagione ha collezionato 34 presenze segnando un goal, un assist e fornendo prestazioni sempre più convincenti nel centrocampo del Brighton.

TRASFERIMENTI

Acquisti

NOME PROVENIENZA COSTO RUOLO
Leandro Trossard Genk 20 mln AS
Matt Clarke Fc Portsmouth 3,90 mln DC

Spesa per acquisti – 23,90 milioni di euro.

Cessioni

NOME DESTINAZIONE COSTO RUOLO
Alexis Mac Allister Boca Juniors Prestito CC
Christian Walton Blackburn Prestito POR
Viktor Gyokeres FC Santi Pauli Prestito ATT
Anthony Knockaert Fulham Prestito AD
Billy Arce Barcelona SC Prestito AS
Markus Suttner Fortuna Duesseldorf Prestito DS
Leo Ostigard FC Santi Pauli Prestito DC
Jan Mlakar Queens Park Rangers Presito ATT
Percy Tau Bruges Presito ATT
Richie Towell Salford Gratis CC
Ales Mateju Brescia Ignoto DD
Bruno Ritiro DD

Incassi dalle cessioni – 0 milioni di euro.


Miglior acquisto – Dopo una passata sessione di mercato ricca di acquisti, il Brighton quest’anno ha deciso di investire in maniera mirata. Certo, non sono mancanti i grandi acquisti per un totale di oltre 65 milioni spesi. Tra i più importanti c’è il colpo dell’ultimo giorno ovvero Neal Maupay, il francese proveniente dal Brentford per oltre 20 milioni. Le 49 partite condite da 28 goal e 9 assist hanno convinto il Brighton ad investire pesantemente su quello che sarà quasi sicuramente il successore della bandiera Glenn Murray.



Possibile rimpianto – La partenza di Anthony Knockaert, autentico trascinatore dei Seagulls nella corsa alla Premier League culminata il 17 aprile 2017 con la vittoria 2-1 sul Wigan che consegnò la promozione matematica al Brighton. L’esterno offensivo di Roubaix ha vestito la maglia della squadra del Sud d’Inghilterra per 139 volte con 27 goal e 25 assist, il più delle volte decisivi ai fini della gara. Il suo addio in realtà potrebbe trasformarsi in un semplice arrivederci, visto che il Fulham l’ha prelevato con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto. La sua assenza potrebbe comunque pesare durante la prossima stagione a meno che Jahanbakhsh, dopo una prima annata deludente in Inghilterra, riesca a ritrovare la forma devastante che aveva in Olanda, all’AZ.

Valutazione mercato – 7: Il Brighton non so è fatta intimidire dagli 88 milioni spesi lo scorso anno, arrivando a spenderne 67,65 in totale. Trossard, Maupay e Webster ne sono la dimostrazione, con Clarke e Mooy ad aumentare qualità e quantità. Per le cessioni c’è da annotare quella gratuita di Towell (mai stato nei piani dell’ex tecnico Hughton) a Salford, il ritiro del terzino destro Bruno, ex capitano del Birghton con un passato in patria al Valencia e la cessione di vari talenti in prestito. Tra questi però c’è naturalmente da evidenziare quello di Knockaert, 27enne finito al Fulham oltre che nella nostra sezione “Possibile rimpianto” per i motivi spiegati in precedenza. Il mercato rimane comunque positivo vista la profondità della rosa e il mantenimento di vari big della squadra.

Esordio in Premier League VS – Watford (T)

Ultima di campionato VS – Burnley (T)

Obiettivo della società – Salvezza.

Pronostico: 15°

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008