Attaccante girovago Samuele Longo, diversi prestiti e cambi di squadre per l’ex talento dell’Inter. Ora è stato promosso in Liga con il Girona ma non perde d’occhio l’Inter.

Ai microfoni di Tuttosport ha dichiarato: “Sono contentissimo perché ho scelto io il Girona, convinto del progetto. Arrivavo da 2-3 anni difficili: a me, che sono un attaccante, mancava il gol, ma senza continuità era difficile segnare. A Girona ho capito da subito che c’erano le premesse per fare una bella stagione, l’obiettivo era la promozione e lo abbiamo centrato. Stagione della consacrazione? Non direi. Sicuramente è stato un anno positivo perché ho ritrovato sensazioni che mi mancavano. Nelle stagioni precedenti cambiavo 1-2 squadre all’anno, non è stato facile e sono stati anni brutti, c’è poco da girarci intorno. Quest’anno sono venuto qui per giocare e segnare, ma voglio fare ancora molto di più”, riporta Gianlucadimarzio.

Sulla nostalgia dell’Italia: Diciamo dell’Italia, ma sinceramente è relativa, perché a Girona sto bene e quindi risulta tutto più facile. Dell’Italia mi mancano la famiglia, gli amici e la ragazza, ma sto bene anche qui”.

Tre anni di contratto con l’Inter: “Futuro? Ho pensato in primis a fare bene qui, vediamo poi cosa succede. Inter? Penso che sognare non costi nulla e sogno un giorno di essere all’altezza di una squadra come l’Inter, nel calcio non si può mai dire se è impossibile”.

Un messaggio per Palacio: “Sento ancora qualche compagno della Primavera. Ho visto l’ultima di Palacio e mi ha fatto un po’ dispiacere: non abbiamo avuto modo di trascorrere tanto tempo insieme, ma mi è sempre sembrato un grande uomo prima ancora che un grande giocatore”.

CONDIVIDI
Pasquale Rosolino, 92 d'annata. Editore di Novantesimo.com. Troppo malato di calcio, se non sto scrivendo ne sto parlando e se non ne sto parlando? Sto sognando! Editor per Visit Naples.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008