Ei fu Monaco. L’urna di Nyon ha destinato alla banda di Allegri la formazione monegasca e alcuni tifosi si davano di gomito, pregustando già la qualificazione. “Abbiamo battuto il Barcellona, figuriamoci cosa faremo contro di loro”. Argomentazione che in parte corrisponde al vero, perchè sulla carta i francesi hanno un potenziale inferiore ai catalani. Dato che però le partite si giocano sull’erba del campo, già guardando le statistiche notiamo come l’attacco monegasco sia uno dei più prolifici d’Europa, seppur nella non esattamente stellare cornice della Ligue 1. Il merito è della rinascita di Falcao, che in tanti davano per finito dopo il tremendo infortunio patito tre anni fa e le tutt’altro che esaltanti esperienze a Londra e Manchester (io incluso, ma da suo ammiratore mi dico ben contento di aver sbagliato) e dell’esplosione di Kylian Mbappè, l’enfant prodige che in tanti paragonano ad Henry, per movenze e provenienza calcistica. Per tacere poi di Fabinho, Bernardo Silva e Moutinho. A mio avviso però, per trovare il vero deus ex machina è necessario volgere lo sguardo verso la panchina: sostengo da anni come Jardim sia un genio nel fare le nozze con i fichi secchi, cesellando quasi ogni anno squadre sontuose dalla solita accozzaglia di giocatori portati da Mendes (e la differenza con il Valencia delle ultime stagioni in questo caso è abissale). Già due stagioni fa il tecnico lusitano mise seriamente in difficoltà la prima Juve “allegriana” nei quarti di finale e sebbene siano rimasti alcuni reduci di allora, la filosofia è cambiata il giusto: un centravanti un po’ stagionato in cerca di rilancio (allora era Berbatov) e una masnada di ragazzini terribili a conferire verve e irrefrenabilità al gioco, puntando molto sull’intensità. I bianconeri dovranno prestare innanzitutto attenzione a non porgere il fianco ai contropiedi rivali: negli spazi aperti la velocità del baby prodigio sopracitato e degli esterni può risultare fatale e il Manchester City ne sa qualcosa. Detto questo, il pronostico è a favore della compagine bianconera e a meno di cali di tensione impronosticabili al momento non ci dovrebbero essere sorprese. Almeno credo…

CONDIVIDI
Classe '97, studente di Economia. Amante del calcio e delle sue sfaccettature a tutto tondo.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008