Poco più di venti ore e il campo darà tutte le risposte alle domande di questi giorni. I prossimi novanta minuti rilanceranno le ambizioni bianconere (come sembrerebbe suggerire il risultato dell’ andata) oppure il ritorno sorriderà ai catalani, freschi di remuntada? Luis Enrique in conferenza stampa ha ostentato una sicurezza al limite della tracotanza, ma non poteva fare altrimenti per rivitalizzare l’ ambiente, considerati i precedenti e la posta in gioco. Sicuramente il PSG non è lontanamente paragonabile alla Juventus dal punto di vista della tenuta difensiva e certi cali di tensione difficilmente si verificheranno di nuovo. E’ altresì vero che il Camp Nou rappresenta tradizionalmente un vero e proprio fortino e non solo per il calore dei tifosi. Diciamo che in passato si è registrata una certa tendenza da parte di buona parte dei fischietti nel fischiare e sanzionare anche episodi che in altri campi sarebbero magari passati in osservati. Niente cattiva fede, per carità, semplice sudditanza inconscia che è sempre esistita dalla notte dei tempi e che comunque si costruisce con anni di vittorie senza nulla togliere alle squadre che beneficiano,non nasce mai dal nulla (l’ Inter di Herrera, la Juve del Trap, il Milan di Sacchi, ecc.). Il Barcellona può inoltre contare sull’ attacco più forte del Globo e difficilmente resterà a secco per un’ altra partita, specie in casa. L’ assenza di un faticatore del centrocampo come Busquets si è inevitabilmente fatta sentire in un club che sembra ormai più basarsi sulle folate estemporanee dei tre davanti piuttosto che sul classico impianto di gioco (del resto, Xavi non c’ è e Iniesta non eterno). Personalmente, penso che il nodo pricipale da sciogliere sia la difesa. Il Piquè attuale è lontano parente di quello ammirato sino a pochi anni fa, Umtiti sta acquisendo solo adesso quello spessore internazionale che si richiede in circostanze del genere e Mathieu non è esattamente Nesta, per usare un eufemismo. La Juve, si presenta per contro in una forma fisica strepitosa, pur dovendo probabilmente rinunicare a Dybala. E se dal punto di vista tecnico questo rappresenta uno svantaggio, da quello puramente logistico può invece aiutare molto la società bianconera in ottica futura: avete presente la disponibilità economica del club blaugrana? Ecco, immaginate dunque cosa potrebbe succedere questa estate le “La Joya” dovesse ripetersi sui livelli dello scorso incontro…

 

CONDIVIDI
Pasquale Rosolino, 92 d'annata. Editore di Novantesimo.com. Troppo malato di calcio, se non sto scrivendo ne sto parlando e se non ne sto parlando? Sto sognando! Editor per Visit Naples.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008