(ANSA) – ROMA, 9 LUG – “Ora il tuo nuovo gol è Cristo”. Non è una perifrasi scontata, ma la frase precisa che monsignor Augustine Di Noia ha rivolto a frate Filippo, nel giorno della sua ordinazione a sacerdote della Chiesa Cattolica, nell’ordine dei frati predicatori domenicani. Perché, prima della sua scelta, Filippo era calciatore professionista, un passato nel Manchester United, nel Norwich e anche nella Nazionale d’Irlanda.

Philip Mulryne, di ruolo centrocampista, contava nel suo curriculum cinque presenze con la maglia del Manchester United nella seconda metà degli anni ’90, come ricordano oggi tutti i media britannici, dopo esser cresciuto nell’academy del club allora guidato da Ferguson. Nel ’99 fu ceduto al Norwich, dove collezionò 135 presenze: in quegli anni si affacciò anche alla Nazionale, con 27 convocazioni. Ora il Mirror calcola che Mulryne sia arrivato a guadagnare fino a 600 mila sterline l’anno, oltre 700 mila euro, prima di abbandonarsi alla vocazione religiosa.

Fonte: Ansa.

CONDIVIDI
Pasquale Rosolino, 92 d'annata. Editore di Novantesimo.com. Troppo malato di calcio, se non sto scrivendo ne sto parlando e se non ne sto parlando? Sto sognando! Editor per Visit Naples.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008