Nel pre-partita di Genoa-Inter, il direttore generale dei rossoblù Giorgio Perinetti ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Premium Sport:

“Sarei felice se confermassimo le prestazioni, vincendo o perdendo abbiamo fatto sempre bene, la prestazione c’è stata sempre e poi vediamo cosa dice il risultato finale. Noi cerchiamo di far bene, questo è l’importante poi vediamo cosa succede”.

Su Ballardini?
“L’abbiamo scelto perché ritenavo fosse un allenatore che potesse avere l’impatto giusto, speravamo che facesse bene, ci ha stupito perché ha fatto bene ma la squadra aveva dei valori, lui ha dato equilibrio e ci ha portato a fare dei risultati ma il campionato è lungo e non possiamo cullarci sugli allori”.

Altre offerte in estate oltre Laxalt e Perin?
“Quest’anno a gennaio abbiamo fatto il discorso inverso, abbiamo preso dei ragazzi ma abbiamo evitato la rivoluzione, tenendo il gruppo unito. Senza dubbio siamo una società che deve lanciare o rilanciare i giocatori, speriamo di sostituire gli eventuali partenti e che i giocatori facciano bene, poi speriamo di vedere una delle magie di Pandev”.

Come vede Pandev?
“L’ho visto in allenamento, ho scoperto un giocatore maturo con voglia, passione e un gran talento. Tanto sacrificio in allenamento, col talento che ha non può che far bene, speriamo che possa fare bene anche stasera”.

Ha mandato un in bocca al lupo a Pellegri?
“L’ho fatto prima e dopo la gara, non lo abbiamo potuto assicurare al calcio italiano ma spero faccia parte della nazionale a suo tempo e dia qualcosa al calcio italiano anche giocando all’estero”.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Diplomato al Liceo Linguistico, attualmente studio Economia e Management ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.