#GenoaCagliari 2-1, un guizzo di Mederois al 90′ regala la vittoria ai padroni di casa

E’ tutto pronto al Marassi per il calcio d’inizio del match tra Genoa e Cagliari, valido per il recupero della 27^ giornata di Serie A. Le due squadre, entrambe alla ricerca di punti preziosi per chiudere la pratica salvezza il prima possibile, non stanno attraversando un periodo particolarmente positivo; i padroni di casa infatti hanno conquistato un solo punto negli ultimi cinque incontri, mentre invece la squadra allenata da Lopez è reduce da una pesante sconfitta tra le mure amiche nell’ultimo turno di campionato contro il Torino, terminato 0-4 in favore dei granata.

Nei primi dieci minuti di gara non succede quasi nulla; nessuna delle due squadre infatti riesce a creare occasioni da gol davvero significative, con i due portieri che non vengono mai chiamati in causa. La prima incursione in avanti del Cagliari nasce da una fiammata di Sau, che una volta entrato in area, quasi dal fondo serve in corsa Dessena; il numero quattro rossoblu tuttavia travolge in maniera fallosa Perin, mandando in fumo la possibilità di passare in vantaggio. Al 23′ si fa vedere anche il Genoa, con Madeiros serve in maniera ottimale Lapadula, che imbeccato in velocità calcia verso la porta avversaria; il suo tentativo si spegne però sull’esterno della rete. Due minuti più tardi, sono gli ospiti ad andare vicini al gol, con una buona opportunità non sfruttata nel migliore dei modi da Pavoletti, il quale, da pochi passa spara tra le mani del portiere avversario, che riesce a bloccare in due tempi. Al 31′ Rosi viene travolto in area da Ceppitelli; Maresca, dopo aver usufruito dell’ausilio del VAR, decide di non concedere il calcio di rigore in favore dei padroni di casa, modificando quindi la propria decisione iniziale. Verso la fine della prima frazione, Cragno pone rimedio ad una grossolana sbavatura di Andreolli; il centrale cagliaritano serve con un folle retropassaggio Lapadula, fermato con una grande uscita dall’ex portiere del Benevento.

Nel secondo tempo parte forte il Genoa, ancora una volta pericoloso con il solito Lapadula, che su corner svetta su Pisacane, ma impatta male il pallone spedendolo lontano dalla porta del Cagliari. Al 53′ arriva il gol dei padroni di casa; Hiljemark serve con un traversone al bacio Lapadula, che riesce finalmente a portare in vantaggio il Grifone, incornando di testa in rete. Al 61′ viene fischiato un’altro calcio di rigore da Maresca, questa volta senza alcun dubbio; sul dischetto si presenta Barella, che calcia in maniera impeccabile battendo l’incolpevole Perin. Nei dieci minuti successivi il gioco è molto spezzettato: le due squadre non si sbilanciano, probabilmente frenate dalla paura di subire il gol del 2-1 e perdere un punto utile per la salvezza. Al 78′ Pavoletti sfiora il gol dell’ex; il numero 30 del Cagliari vola in cielo ed impatta di testa, ma il pallone sbatte sul palo, salvando l’inerme Perin. Al 90′ Medeiros gela il Cagliari con un gol da antalogia; l’esterno portoghese batte Cragno con un tiro a giro dalla destra eseguito perfettamente. Dopo ben sei minuti di recupero termina l’incontro; il Genoa, che non vinceva da metà febbraio, conquista tre punti molto importanti per l’obiettivo salvezza e si allontana sempre di più dalle zone basse della classifica; i sardi invece, beffati all’ultimo e a +5 dal Crotone 18°, dovranno ricominciare a conquistare punti e ad avere meno cali di concentrazioni per evitare brutte sorprese.

 

GENOA – CAGLIARI (0-0) 1-1

GENOA (3-5-2) Perin 6; Biraschi 5.5, Rossettini 5.5, Zukanovic 5.5; Rosi 6 (69′ Pedro Pereira 5.5), Cofie 6, Bessa 5.5 (80′ Omeonga s.v.), Hiljemark 6.5, Laxalt 5.5 (84′ Migliore s.v.); Madeiros 6.5, Lapadula 7. A disp: Lamanna, Zima, Spolli, Pereira, Lazovic, Migliore, Rigoni, Omeonga, Rossi, Pandev. Allenatore: Ballardini.

CAGLIARI (3-5-2) Cragno 6, Pisacane 5.5, Ceppitelli 4.5 (65′ Castan 6), Andreolli 5; Faragò 6, Ionita 5.5, Barella 6.5, Dessena 6, Lykogiannis 5.5; Sau 5.5 (60′ Ceter 6), Pavoletti 5. A disp: Rafael, Crosta, Padoin, Cossu, Giannetti, Romagna, Deiola, Miangue, Caligara. Allenatore: Lopez.

Arbitro: Fabio Maresca (sez. Napoli)

Marcatori: 53′ Lapadula (G); 62′ Barella (C); 90′ Medeiros (G)

Ammonizioni:  41′ Sau (C); 56′ Ceppitelli (C); 57′ Andreolli (C); 83′ Pereira (G)

Espulsioni: 

Note: 4′ recupero pt, 6′ recupero st

TOP 90ESIMO  – Lapadula: grandissima prova quella dell’ex Milan, che sembra davvero in stato di grazia; oltre a segnare infatti, si muove su tutto il fronte offensivo creando più che qualche grattacapo alla difesa avversaria. Sfiora il gol in più occasioni, e a tratti ricorda lo spietato attaccante che due anni fa conquistò la promozione in A con il Pescara.

FLOP 90ESIMO – Ceppitelli: giornata assolutamente da dimenticare per il centrale cagliaritano, che non riesce ad entrare con il piglio giusto in partita, soffrendo molto i movimenti di Lapadula e commettendo molte disattenzioni; come se non bastasse, rischia anche di causare un rigore, ma viene graziato dall’intervento del VAR.

CONDIVIDI