Genoa, Perinetti: “Centurion avrà la sua chance. Juric? Conte stravede per lui”

Perinetti

Da qualche settimana nuovo direttore generale del GenoaGiorgio Perinetti ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de Il Secolo XIX. Tanti i temi affrontati, di seguito le sue parole.

Sugli obiettivi del campionato – “La salvezza non sarà automatica quest’anno la quota sarà più alta. E noi abbiamo idee e valori ma dobbiamo mettere più sostanza, cattiveria e concretezza. Salvarsi non sarà una passeggiata ma ho grande fiducia. La squadra è viva e i tifosi sono al nostro fianco, contro il Napoli al Ferraris c’era una grande atmosfera“.

Sul suo arrivo al Genoa – “Prima un bel po’ di sfortuna c’è stata. Non è mia abitudine parlarne ma molte cose non hanno girato per il verso giusto, anche a livello di infortuni. Certo, la squadra è stata costruita per creare gioco, ha queste caratteristiche e non si può snaturare. Però si è trovata in una situazione di classifica difficile, serviva più praticità e grazie a qualche accorgimento è arrivato un po’ più di equilibrio. L’inserimento di Rosi e Rigoni è stato molto utile in questo senso, come pure il rientro di Izzo“.

Su Ivan Juric – “Ho sentito Antonio Conte qualche giorno fa e mi ha detto: «Lo conoscevo già, ha buone idee e mi sono accorto subito che la squadra lo segue, ha fiducia in lui». Quindi sì, giusto confermarlo“.

Sulla sua decisione di accettare l’offerta del Genoa –Questo club è sempre stato nel mio destino. Ho seguito la cessione di Conti al Genoa, di Pruzzo alla Roma, in giallorosso ho avuto Signorini. Turone e Damiani sono amici come lo era Landini. Tutti mi hanno sempre parlato tanto del Genoa e mi intrigava l’idea di lavorare qui, per capire cosa rende così particolare il Genoa“.

Su Ricardo Centurion –Non riesce ad inserire le sue grandi qualità nel collettivo. Però Juric dà una chance a tutti, lo ha dimostrato con Rigoni, Taarabt e Galabinov. Non è bocciato, lo aspettiamo“.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.