Pietro Pellegri, giovane talento del Genoa e ragazzo dei record, oltre ad essere stato uno dei protagonisti della sfida tra Roma e Genoa, è stato anche testimone del Totti-day, giornata pienamente dedicata al capitano della Roma.

L’attaccante, dopo l’esordio giovanissimo in serie A, domenica ha anche siglato il suo primo goal dopo appena 8′ minuti.

Ecco le parole, secondo quanto riportato da Calciomercato.com“E’ un sogno che inseguivo sin da piccolo. Sono felice per me e mio papà Marco”.

Naturalmente, pur essendo arrivato in prima squadra, bruciando tutte le tappe intermedie, Pellegri è consapevole delle difficoltà che dovrà incontrare: “So che devo lavorare tantissimo. Ringrazio i tecnici avuti in passato, la società, mister Juric e i compagni che mi sono stati vicini. Prima che iniziasse la partita mi hanno rassicurato e dato forza. Sono circondato da persone che mi vogliono bene e mi considerano uno di loro. Ho come la sensazione di esserci sempre stato. Io che sono cresciuto a pane e Genoa, per la passione che mi ha trasmesso mio papà, so che la prima cosa che devo fare è restare umile e tenere i piedi per terra”.

Sulla giornata dedicata a Totti: “E’ stata un’emozione partecipare a una giornata storica come l’ultima partita di Totti nella Roma. La racconterò ai miei figli”.

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008