Genoa, parla Piatek: “Al mio arrivo non c’era nessuno. Ora non passo inosservato”

piatek

Krzysztof Piatek, attaccante del Genoa, ha rilasciato una lunga intervista al portale sportowefakty.wp.pl, dove ha raccontato del suo arrivo a Genova e di come sta vivendo questo momento di gloria: 

Sul momento: ”Cerco di non leggere i giornali sia quando parlano di me che della squadra. Per quanto riguarda il futuro non guardo oltre il prossimo allenamento”

Sull’interesse del Barcellona: ”Ho sentito, ma non ci credo. I record battuti, compreso quello di Shevchenko, per ora non li considero troppo. Magari un giorno godrò a leggere queste cose”.

Il suo arrivo a Genova: “Il giorno della firma non c’era nessuno ad aspettarmi, anche se io non mi aspettavo di vedere i tifosi. Poi durante le visite mediche qualche tifoso e qualche giornalista si era reso conto che era arrivato un nuovo giocatore. Adesso è tutto diverso. Spesso è difficile camminare cento metri pacificamente. I tifosi mi chiamano, mi dicono ‘bomber’ o ‘pistolero’ e cercano di pronunciare il mio nome correttamente. Oramai succede sempre meno di sentirlo con la ‘a’. Quando ho iniziato a segnare con continuità in Serie A c’era la convinzione che la striscia sarebbe finita presto… Sono consapevole che prima o poi accadrà, magari passerò 1, 2 o forse 3 partite senza segnare. Succede anche a Cristiano Ronaldo. Il fatto che sia sopra di lui nella classifica marcatori non significa niente, non raggiungerò mai i suoi traguardi. Sarò felice se riuscirò a mantenere queste medie per 2-3 stagioni”.

Sui paragoni con Lewandowski: “Lo seguo da sempre cercando di imitarlo. Mi ha sempre impressionato spalle alla porta. Ultimamente mi ha dato molti consigli”.

Sulla famiglia: “La famiglia mi aiuta. Sia i miei genitori che la mia ragazza, mi fanno restare coi piedi per terra. E mi spronano a non rimandare le cose. La spazzatura non si butta via da sola, anche se segno 4 gol.”.

CONDIVIDI
Direttore Responsabile Frequenza Rossonerazzurra, Blogger AC Milan, ho collaborato con MilanInside.net, redattore/inviato presso ViverePesaro.it