Il punto conquistato dal Genoa a Napoli ha un’importanza da non sottovalutare per i grifoni in chiave salvezza. I rossoblu, infatti, sono ormai a +7 dalla zona retrocessione. Miguel Veloso, ai microfoni di TuttoSport, dichiara: “Dovevamo dare una risposta sul campo alla partita con l’Inter che non è andata come volevamo noi. abbiamo dimostrato tutto il nostro carattere e il nostro valore. Dopo l’espulsione di Sturaro non è stato facile ma siamo rimasti compatti anche dopo aver subito gol. Poi è uscito il nostro spirito di squadra”.

Sul derby: “Ai compagni che non l’hanno ancora vissuto ho spiegato che è una partita bellissima da giocare con intensità. Dobbiamo prepararla al meglio ma non serve motivare la squadra. E’ una partita che vivono tutti, è una settimana in cui la città si ferma. Negli ultimi tre anni contro la Sampdoria abbiamo fatto sempre delle grandi prestazioni. Questa volta speriamo anche di vincere perché è da un po’ che non lo facciamo”.

Su Prandelli: “Prandelli è un allenatore di esperienza. Quando è arrivato ci ha dato tranquillità, portando le sue idee”.

Il ritorno al Genoa: “Prima di tornare, quando avevo concluso il mio contratto con la Dinamo Kiev e mi stavo allenando con la squadra stavo per firmare con un’altra società ma Juric e Preziosi mi hanno chiesto di rimanere e così ho fatto. Voglio giocare e aiutare i miei compagni.

Sulla possibilità di andare in Cina: “A gennaio di due anni fa ho avuto una proposta ma parlandone con mia moglie ho deciso di rifiutare. E’ stata una scelta di vita. Avevo anche mio figlio, di appena un anno. Essere diventato papà è stata la cosa più bella al mondo, una benedizione”.

CONDIVIDI