Gennaro Gattuso a Napoli come Marie Kondo

Gennaro Ivan Gattuso al Napoli non sta rivoluzionando il calcio italiano, il suo calcio ha un’identità definita. Riconoscibile anche se non diverte.

Il tecnico del Napoli, come sappiamo da tempo, non bada all’eleganza ma cerca sempre la concretezza e la coerenza. Una direzione ben precisa che deriva dal Gattuso uomo, passa per il Gattuso giocatore e finisce nel mister Gennaro Gattuso.

I meriti di Gennaro Gattuso a Napoli

Il Napoli ha una rosa di qualità, magari a livello soggettivo può sembrare inferiore a quella delle prime tre della classe. Comunque doveva essere una delle quattro destinate alla Champions o quantomeno lì sopra a lottare. Invece il Napoli sotto la guida di Ancelotti è crollato giù in classifica, e anche negli inizi di Gattuso, proprio nell’anno in cui la Juve non è più imbattibile. A Napoli l’hanno inseguita per anni quella Juve avvicinandola soltanto e facendogli prendere qualche patema. Non di più.

Quindi cos’ha fatto Gattuso a Napoli? Nulla di speciale, o forse tutto di speciale. Ancor più semplicemente tutto ciò che andava fatto. Ha richiesto due metodisti, Demme e Lobotka. Con rispetto parlando non due top mondiali del loro ruolo, eppure era quello che serviva. Quello che bastava e mancava. So che Lobotka il Napoli lo seguiva da tempo, lo so.

Gennaro Gattuso a Napoli è stata come l’autrice dei bestseller Marie Kondo, ha applicato il giusto fix. La soluzione che serviva per portare punti. Ridare motivazioni al singolo giocatore. Valutare i parametri atletici e reimpostare la preparazione atletica della squadra, fino a riuscire ad avere le condizioni per esprimere le idee del tecnico. Le coperture e i contropiedi del Napoli, seppur tatticamente semplici, non possono essere seguiti senza una condizione atletica adeguata.

Gattuso ha rimesso tutto a posto, manco fosse Marie Kondo” passatemi la citazione parafrasata di Fabio Rizzo, in arte Marracash. Anche il gesto di ‘urlare’ ai calciatori di andare sotto la curva, il rispetto per i tifosi, cosa che si era vista anche al Milan. Cercare di chiarire, con la sua dialettica, le situazioni di spogliatoio e dei calciatori meno impiegati. Gattuso potrà non essere amato come tecnico ma alcuni meriti sono innegabili.

Nonostante qualche grave incidente di percorso, Fiorentina e Lecce ad esempio, Gennaro Gattuso sta rimettendo tutto a posto…. manco fosse Marie Kondo.

CONDIVIDI
Pasquale Rosolino, 92 d'annata. Editore di Novantesimo.com. Troppo malato di calcio, se non sto scrivendo ne sto parlando e se non ne sto parlando? Sto sognando! Editor per Visit Naples.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008