#FrosinoneSampdoria – Giampaolo: “È il mio terzo anno qui, c’è uno zoccolo duro”

Marco Giampaolo

Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria, ha commentato così la vittoria per 5-0 sul campo del Frosinone, ai microfoni di Sky Sport.

“Non c’è tempo per sorridere, abbiamo subito delle partite e non abbiamo il tempo per poter godere di questo risultato. Siamo contenti, soddisfatti, non è stata una gara semplice. Il risultato dice 5-0, ma il primo tempo è stato difficile. Poi però la squadra è cresciuta e ha legittimato il risultato. Siamo stati bravi a fare gol con una grande dose di altruismo. Abbiamo sfatato la statistica che ci voleva mai vincenti con le neopromosse, adesso troveremo qualcos’altro per metterci in discussione”.

La Sampdoria continua a vendere e a restare dello stesso livello, c’è grande cultura dentro a questa squadra. C’è uno zoccolo duro?
“Questo è il terzo anno che lavoro con questa squadra, chiaramente non tutti perché c’è un ricambio a cui devo abituarmi alla Samp. C’è uno zoccolo duro di giocatori che sono migliorati negli anni, giocatori che mi permettono di tagliare degli step e far inserire meglio i nuovi. Bravo il club a fare scouting. I calciatori che abbiamo preso li conoscevo, ma è lo zoccolo duro che ci permette di portare avanti le conoscenze. La qualità fa sempre la differenza”.

Questa squadra si rinnova adattandosi ai giocatori. 
“Zapata aveva caratteristiche diverse rispetto a Defrel e viceversa. Le caratteristiche dei calciatori rispecchiano anche i modi di giocare. Con attaccanti veloci e agili puoi attaccare la profondità, con giocatori meno agili giochi più palla addosso. È ancora fuori Praet per infortunio. A me piacciono i giocatori rapidi”.

CONDIVIDI