Ai microfoni di Sky Sport si è presentato il Presidente del Frosinone, neopromosso in Serie A, Maurizio Stirpe.

“Stavolta abbiamo raccolto quanto abbiamo seminato, sia in campionato che nei playoff. Nelle due partite siamo stati superiori al Palermo. Raccogliamo quanto fatto quest’anno e anche l’anno scorso”.

Frosinone in A.
“Adesso siamo andati in A per rimanerci. Faremo gli sforzi necessari per tentare di rimanerci. E’ importante starci, per la città, per la provincia e per la società”.

C’è stato un momento di difficoltà?

“In più di un’occasione siamo stati nella posizione di dare e riprendere quanto dato. Merito dell’allenatore che ci ha sempre creduto, ai dirigenti, ai giocatori e i tifosi”.

Il gruppo si riconferma?
“L’allenatore sarebbe rimasto anche se fossimo rimasti in B. Per il resto penso sia prematuro fare qualsiasi tipo di considerazione”.

Cosa direbbe al mister?
“E’ stato molto bravo a ricompattare il gruppo”.

E’ visibilmente commosso.
“E’ il giusto premio per il lavoro che questo gruppo ha fatto quest’anno. Non è stato semplice, abbiamo avuto tante difficoltà ma i ragazzi c’hanno sempre creduto”.

I giocatori che buttavano in campo i palloni e l’invasione di campo dei tifosi finale?
“Noi possiamo dire tutto quello che volete stasera. I palloni andavano in campo ma stavamo vincendo 2-0. Per effetto del gol nei secondi finali è chiaro che c’è un esplosione di entusiasmo. Se vogliamo attaccarci a queste cose penso che stasera ci sia spazio solo per Frosinone e per quanto fatto durante l’anno. Abbiamo meritato sul campo e fuori dal campo. Avrà sbagliato e chiedo scusa io però una volta tanto diamo risalto al lavoro, è stata una grande vittoria. Dei vostri giudizi non me ne frega niente”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008