Moreno Longo, tecnico del Frosinone, ha parlato ai microfono di Radio Rai al termine della partita contro il Bologna, finita in parità, ecco le sue parole:  

“Nei primi 25 minuti la squadra era ferma, poi ho visto un buon Frosinone che ha creato, tirato 11 volte nello specchio e se c’era una squadra che doveva e poteva vincere era il Frosinone, non concedendo nulla al Bologna, nonostante tanti cambiamenti ho visto passi avanti, sapendo che c’è tanto da lavorare per una salvezza tortuosa, possiamo farlo con fiducia vista la tanta disponibilità dei ragazzi”.

Come è stato giocare senza pubblico?
“Ci è mancato tantissimo, credo che i ragazzi abbiano dato tutto nonostante l’ambiente surreale, dico sempre che il calcio è dei tifosi, senza una cornice questo spettacolo rende poco, sappiamo quanto sono importanti i nostri tifosi e non vediamo l’ora di giocare davanti al nostro pubblico che può influire molto sulle nostre prestazioni”.

Cosa è mancato per portare a casa la vittoria?
“La squadra nei primi 25 minuti aveva lasciato troppo il pallino del gioco al Bologna, non abbiamo lavorato bene sulle mezzali, attaccavamo poco la profondità, non eravamo fluidi nella manovra, ma dopo già nel finale di primo tempo si erano visti buoni segnali e poi la ripresa è stata nettamente a favore nostro con tre palle gol nette, con un po’ di cinismo e lucidità potevamo portarla a casa”.

CONDIVIDI
Ama il calcio in ogni sua forma, che sia su erba, in spiaggia, in un palazzetto, a 5, a 11 o anche quello "da divano" su FIFA.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008