È il 2 dicembre del 2018 ed è il giorno dei sorteggi per le qualificazioni ad Euro2020. L’UEFA annuncia: è ufficiale, ci sarà una terza competizione europea ed inizierà nel 2021. È settembre 2021, Euro2020 si è concluso meravigliosamente per la nostra Italia (evitiamo di ricordare tutto quello che non ha permesso alla competizione di giocarsi lo scorso anno) e manca poco all’inizio delle competizioni europee. Quella che durante quei sorteggi venne provvisoriamente chiamata Europa League 2 è stata rinominata Conference League ed è pronta a regalare spettacolo a partire dalla prossima settimana.

Come cambia la formula della fase ed eliminazione diretta delle competizioni europee con l’introduzione di un terzo torneo? Le prime due dei gironi di Champions League continueranno a giocare gli ottavi di finale della medesima competizione. Tutto cambia a partire dalle terze. Verranno “retrocesse” in Europa League come accadeva fino allo scorso anno, ma con una novità: si giocheranno l’accesso agli ottavi di finale contro le seconde dei gironi di Europa League. Stesso discorso vale per le terze classificate nei gironi della competizione che vede nel Villareal i campioni in carica: andata e ritorno contro le seconde classificate di Conference League, chi avrà la meglio andrà agli ottavi di finale.

Spiegata la formula alla quale ci abitueremo col tempo, analizziamo quali possono essere le squadre favorite alla vittoria finale in entrambe le competizioni.

Europa League

Girone A: la favorita è senza dubbio l’Olympique Lione, una delle squadre che alla lunga potrebbe far bene. Girone B: Monaco, PSV e Real Sociedad sono pronte a darsi battaglia per guadagnarsi sedicesimi ed ottavi di finale, difficilmente però gli organici permetteranno alle tre di arrivare fino in fondo alla competizione. Girone C: Napoli e Leicester ci regaleranno sicuramente spettacolo e sono tra le squadre che potrebbero dar fastidio a chiunque fino alla fine. Girone D: Eintracht Francoforte e Fenerbahçe si giocheranno il primato del girone ma faranno, probabilmente, poca strada nella competizione. Girone E: altra italiana, la Lazio, sarà impegnata soprattutto contro l’Olympique Marsiglia per il primato nel girone. Le due sono dotate di un buon organico ma l’impressione è che ci siano squadre meglio attrezzate. Girone F: Braga favorito, gruppo senza squadre di primo livello. Girone G: Bayer Leverkusen favorito su Betis e Celtic. Girone H: West Ham, appena tornato in Europa, pronto a battagliare. Anche se alla lunga gli inglesi non saranno sicuramente tra i favoriti alla vittoria finale. L’impressione è che sarà fondamentale capire chi si classificherà al terzo posto dei gironi di Champions League e chi riuscirà a superare i sedicesimi di finale. C’è spazio praticamente per tutte, comprese eventuali sorprese.

Conference League

Girone A e B: nessuna squadra candidata alla vittoria finale. Girone C: la Roma è la superfavorita alla vittoria del raggruppamento. Girone D, E ed F: anche in questi gruppi nessuna squadra di un certo livello, l’unica eventuale sorpresa è il Feyenoord. Girone G: sicuramente il girone più interessante vista la presenza contemporaneamente di Tottenham e Rennes. Ne vedremo delle belle, gli inglesi sono sicuramente i favoriti alla vittoria finale, del girone e della competizione più in generale. I francesi possono essere una bella sorpresa. Girone H: curiosità per il Basilea di Sebastiano Esposito, gli svizzeri potranno superare il turno ma non ambire alla vittoria finale. Vale lo stesso discorso fatto precedentemente per l’Europa League: c’è bisogno di capire chi “retrocederà” in Conference League nella seconda parte di stagione e chi si guadagnerà gli ottavi di finale. L’impressione è che ad ogni modo Tottenham e Roma potranno restare tra le quattro o cinque favorite.

CONDIVIDI