L’allenatore viola Stefano Pioli ha parlato a Premium Sport al termine del pareggio della Fiorentina contro l’Atalanta.

Di seguito le parole del tecnico ex Inter: “Noi ci abbiamo messo del nostro. L’Atalanta ha fatto un buon secondo tempo ma la partita era quasi finita. Abbiamo avuto una situazione in ripartenza per chiuderla e sul gol dell’Atalanta dovevamo essere più bassi con i mediani. Avevamo stretto i denti e potevamo vincere. L’arbitraggio è stato difficile. Dal campo io non ho visto lo stesso metro. All’Atalanta è stato un rigore dubbio, a noi non dati due secondo me meno dubbi. La trattenuta su Astori e l’uscita a valanga su Dias erano rigori. Io l’arbitro lo giudico nel metro e nell’equità. Non vedo come sia possibile ignorare la trattenuta di Astori o vedere che Dias anticipa Berisha. Non accetto gli errori dei miei, ma oggi neanche quelli dell’arbitro. Gli arbitri dovrebbero andare in campo con più serenità e giudicare con più libertà, come è successo oggi nella partita della Sampdoria con il Milan.

Avevamo spazi per ripartire ma non è semplice mantenere sempre certi ritmi. Quando ci siamo riusciti abbiamo disputato un’ottima gara. La squadra sta crescendo, ma serve farlo velocemente. Il risultato è penalizzato da un paio di situazione, anche se l’Atalanta non ha rubato nulla. La vittoria sarebbe stata importante per la nostra classifica e il valore degli avversari. Stiamo lavorando per migliorare Chiesa, è forte ma in qualche circostanza può stare più dentro la partita”.

CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008