Marco Sportiello, estremo difensore della Fiorentina, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni del quotidiano Il Messaggero, facendo il punto sulla prossima gara dei viola, da disputare contro la Roma.

Ecco di seguito l’intervista integrale: “Dobbiamo dimenticare Crotone, sappiamo che partiamo sfavoriti, ma siamo in grado di fare il nostro gioco, soprattutto davanti alla nostra gente. I giallorossi stanno bene, sono forti, hanno un gioco ben organizzato, ma non rappresentano una sorpresa. Avrei fatto gli stessi ragionamenti se avessero perso 0-3… Domenica Sono favoriti, ma noi giochiamo in casa e dovremo scrollarci di dosso la brutta prova di Crotone. Avremo più motivazioni di loro”.

Sul momento della Fiorentina: “Squadra troppo giovane? Può darsi, ma resto convinto che abbiamo le qualità per fare molto meglio anche se intorno a noi si respira un clima di negatività. Prendiamo la Roma: ha grandi individualità. Penso a De Rossi, Perotti, Dzeko, El Shaarawy, ma noi possiamo metterli in difficoltà.

Il duello con Allison? Portiere completo, con ancora margini di miglioramento. De Rossi, Nainggolan e Strootman formano il centrocampo più forte del campionato? Una grandissima mediana, ma io non farei a cambio con i miei Benassi, Badelj e Veretout. La Roma è da scudetto? Non lo so ancora perché la Juve è sempre la Juve… Il Napoli sta facendo grandi cose, ma è presto. Io aspetterei marzo”.

La Roma in 10 gare ha subìto solo 5 gol. Un bunker? Sarebbe un errore giudicare la squadra giallorossa solo per la difesa. La verità è che è un gruppo completo, basta vedere come si copre sul campo. Di Francesco è un grande tecnico, ma si sapeva quanto fosse capace. Chi temo maggiormente? Se devo sceglierne uno, dico Perotti: ha i colpi da fenomeno. Amo la sua freddezza dal dischetto. E quando tira ti prende sempre il tempo, è imprevedibile”. A riportare è ForzaRoma.info.

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Da sempre dipendente dal calcio e dall'Inter.