Fiorentina, Lafont: “Pioli grande tecnico, vinciamo a Roma per l’ Europa”

Il baby portiere francese Alban Lafont, intervistato dal Corriere dello Sport, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sul momento della Fiorentina

SUI PARAGONI –  «Io sono Alban Lafont e gli altri sono gli altri».

SULLE POCHE RETI SUBITE –  «Io penso semplicemente che l’aver incassato poche reti, più che per me sia una buona cosa per la squadra. Il merito va condiviso coi miei compagni. Di certo, non dobbiamo accontentarci mai e continuare così»

SULL’ ORGANICO, IL PIU’ GIOVANE IN ITALIA –  «La qualità non è proporzionale all’età. Quello che vedo io è un gruppo sì giovane, ma con tanta voglia di migliorare, di progredire, di guardare sempre avanti, oltrepassando ostacoli e mettendone sempre di nuovi. Lavoriamo senza sosta con il tecnico e con lo staff atletico per farci trovare sempre al massimo della condizione. Non dite, però, che è la solita frase fatta, perché noi ci crediamo veramente». 

SULLA PERSONALITA’ –  «E’ positivo, senza dubbio, che l’allenatore pensi che ho una discreta personalità. Ho avuto un infortunio che in questo avvio di stagione mi ha un po’ frenato, ma sto lavorando per recuperare il tempo perso. Mi muovo molto dentro l’area, è vero, ma questo è il mio modo di giocare: io non ho paura e mi fido di me stesso». 

SUL ‘RISCHIARE TANTO’ –  « Questa è la filosofia di gioco della Fiorentina. La nostra manovra riparte sempre da dietro, vogliamo giocare il pallone, abbiamo qualità discrete con ottimi interpreti ed il portiere non è un’entità avulsa dal resto del gruppo, tutt’altro». 

SUI TIFOSI –  «Abbiamo dei tifosi straordinari, sono il valore aggiunto della Fiorentina. Quel pomeriggio ci hanno incitato vis-à-vis, come ogni partita fanno dagli spalti. E’ bellissimo essere trascinati da quest’onda d’amore». 

SULL’ OBIETTIVO EUROPA –  «Sì. La strada l’abbiamo tracciata dimostrando di essere in grado di vincere diverse partite. Continuando così, potremo riconquistare il palcoscenico internazionale. C’è da andare oltre, da alzare ancora l’asticella, senza mai arretrare di un centimetro rispetto a quanto fatto fino ad oggi»

SUL DIALOGO –  «Posso contare su compagni di reparto di spessore. In campo parliamo molto, sappiamo sempre quello che facciamo: il dialogo è il nostro primo alleato. A livello personale, aggiungo poi che è molto facile interagire con giocatori che sanno alla perfezione cosa fare e in quale momento. La rosa è ben assortita, non voglio dimenticare nessuno, nemmeno quelli che fin qui si sono visti meno». 

SUL GUARDARE LA CLASSIFICA –  «Sì certo, ma senza lasciarmici distrarre. La classifica va guardata sempre, perché comunque serve da stimolo a chiunque. Siamo terzi, è vero, ma quello che conta è dove potremo essere la partita dopo». 

SULLA LAZIO –  «E’ una squadra da non sottovalutare affatto, servirà dinamismo, la giusta dose d’aggressività e, soprattutto, un’attenzione costante, nell’arco dei 95’, perché per subire una ripartenza da parte degli avversari, lo abbiamo imparato a nostre spese, basta un attimo di distrazione. Non dovremo farci distrarre da questi ultimi due match, fare risultato sarà ancora più duro perché loro hanno assoluto bisogno di punti e di gol. Per questo ribadisco che dovremo essere attenti, concentrati nel lasciare sul campo tutto quello che ciascuno di noi ha. »

SULLA NAZIONALE MAGGIORE –  «Sì, è uno dei sogni nel cassetto che vorrei provare a realizzare. Lavoro duro tutti i giorni anche per questo: fare bene nel proprio club ti spalanca altre strade che diversamente resterebbero sbarrate». 

SU PIOLI –  «E’ un allenatore di grande spessore, che cura molto l’aspetto tecnico-tattico, che non lascia niente al caso, bravo ad osservare i dettagli e a permetterti di correggere gli errori». 

SUI MATCH IN TRASFERTA –  «Sappiamo bene che per essere protagonisti di una grande stagione dobbiamo cominciare a fare punti lontano dal Franchi, serve vincere in trasferta. E noi siamo pronti a dare il massimo per centrare anche questo obiettivo». 

CONDIVIDI
Vice Direttore Radio Frequenza Rossonerazzurra, Redattore Novantesimo.Com, Ex Direttore "L' Inter Siamo Noi"