Giancarlo Antognoni, club manager della Fiorentina, ha concesso un’intervista a Il Corriere Fiorentino, nella quale è tornato sulle tante cessioni viola di questa sessione di mercato.

Ultima e forse più importante quella di Federico Bernardeschi, passato alla Juventus per 40 milioni di euro, con un contratto per il calciatore molto importante visto che incasserà 4 milioni di euro a stagione. Ecco le sue parole sul caso: “Ormai da tutte le parti è così, la forza contrattuale di un giocatore nei confronti della società è enorme e sbilanciata. Succede anche ai top club, basta guardare Bonucci: anche lui poteva diventare una bandiera. Parlare di maglia e affetto per la piazza ormai non serve. Ormai contano solo i soldi. In più la concorrenza si è allargata a tutta l’Europa e diventa impossibile frenare chi vuole andarsene o placare un mercato con cifre fuori controllo. Bisogna confidare nelle persone, ma non sempre basta.  La valutazione di un giocatore cambia così rapidamente che fino a poco tempo prima si sentiva soddisfatto per quello che aveva raggiunto, inizia a fare pensieri diversi e ad avere aspirazioni economiche per una realtà come la Fiorentina. I club non sono più nelle condizioni di prevedere il proprio mercato. Devono adeguarsi, come ho fatto io. Mi riferisco al modo di parlare con i giocatori, anche io mi devo adeguare al loro modo di pensare. Parlare con loro di attaccamento alla maglia e ai colori oggi per la maggior parte delle volte non ha senso. Diventano parole vuote. Contano i soldi e la carriera. Bisogna lavorare sui giovani di prospettiva, fare acquisti oculati e comunque importanti”

Ma Antognoni potrebbe legarsi ad un’altra città che non sia Firenze? “Per sentirmi dire ‘Bravo bischer?’. Naturalmente è una battuta. ma la verità è che la parola bandiera non ha più cittadinanza in questo calcio. Con Totti si è chiusa un’epoca. Per arrivare a guadagnare sempre di più non si può essere bandiere”. E sui tifosi viola, delusi dal comportamento di Bernardeschi, prosegue: “In tanti hanno capito che si può ancora voler bene a un giocatore che veste la tua maglia, ma senza affezionarsi troppo. C’è un altro modo di tifare, tifare per la maglia e non per chi, al momento, la indossa”.

CONDIVIDI
Di Catania, appassionato di calcio a livello internazionale ma interessato a tutti gli sport, passione per il giornalismo sportivo.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008