FIGC, parla Gravina: “Abbiamo progetti importanti per il VAR, c’è sempre bisogno di miglioramenti. Entusiasmo per la Nazionale? Merito di Mancini”

gravina

Intervistato dalla giornalista Sportmediaset Monica Vanali, Gabriele Gravina, presidente della FIGC, ha parlato a 360 gradi del calcio italiano, dai miglioramenti in vista per il VAR alla Nazionale di Roberto Mancini:

“Sicuramente le tecnologie hanno bisogno sempre di miglioramenti ma siamo sulla strada giusta. È necessario portare fino in fondo la modernizzazione. L’applicazione della tecnologia al mondo arbitrale è un elemento sul quale dobbiamo continuare a lavorare. Abbiamo progetti importanti: il controllo centralizzato del VAR, la VAR applicata alla Serie B, la separazione delle carriere arbitrali con specialisti del VAR”.

Il calcio sta migliorando in Italia?
“Sì, soprattutto per un crescente entusiasmo da parte dei tifosi. Obiettivo principale è migliorare la credibilità del mondo del calcio, credibilità oscurata dalla mancata qualificazione della Nazionale ai Mondiali di Russia ma soprattutto dalla presenza di faccendieri che hanno minato questa credibilità ripetutamente”.

In effetti ci sono molte società in crisi o fallite. Clamoroso il caso del Cesena…
“Già a dicembre abbiamo stabilito le regole secondo le quali sarà possibile iscriversi ai campionati. Abbiamo la necessità di verificare titoli e onorabilità degli addetti ai lavori. Necessaria una black list per i soggetti che nell’ultimo decennio hanno creato problemi al nostro calcio. Da questo mese lavoreremo per migliorare l’incisività dei controlli”.

Intanto la Nazionale italiana con Mancini è tornata nel cuore degli italiani…
“Grande merito di Roberto, grande merito al suo lavoro che ha lanciato un messaggio nuovo, ovvero il valore della maglia azzurra che deve sempre dare entusiamo e identità. Siamo una delle nazionali più giovani e questi ragazzi, con la loro gioia di partecipare all’evento sportivo, contaminano positivamente anche i tifosi. È una bellissima storia”.

A proposito di Azzurri, l’Europeo Under 21 si giocherà in Italia…
“Di Biagio ha il diritto di convocare i migliori giovani senza condizionamenti. Credo che 5, 6, 7 giocatori della Nazionale maggiore saranno convocati da Gigi anche perché si possa centrare l’obiettivo della qualificazione alle Olimpiadi del 2020”.

Parliamo del calcio femminile dove la nostra Nazionale parteciperà ai Mondiali a giugno in Francia…
“Dalle ragazze mi aspetto che riescano a comunicare il loro entusiamo e i valori del nostro sport. Il calcio femminile deve dimostrare che non esiste una differenza di genere perché il calcio è di tutti coloro che lo amano”.

Cosa serve al nostro calcio per tornare definitivamente grande?
“Entusiasmo, credibilità, regole certe. Un sistema che tuteli nel migliore dei modi i valori della competizione sportiva permettemendo ai giovani di avvicinarsi sempre di più al nostro mondo”.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.