FIGC, Deodato: “Il commissariamento è un atto grave che incide sulla vita di un ente che ha una sua autonomia e soggettività giuridica”

(ANSA) – ROMA, 21 NOV – “Il commissariamento è un atto grave che incide sulla vita di un ente che ha una sua autonomia e soggettività giuridica. Io suggerisco di esaminare il caso con estremo scrupolo”. Così Carlo Deodato, presidente del Gruppo di Lavoro tecnico Statuti e Regolamenti del Coni e membro del Consiglio di Stato. Deodato ha ricordato le linee guida che nel merito prefigurano il commissariamento: “Posso dire che lo statuto del Coni prevede tre presupposti. L’unico astrattamente configurabile in questa fattispecie è quello relativo alla constatata impossibilità di funzionamento degli organi federali. Io non sono in grado di comprendere se l’esito del consiglio federale e le dimissioni di Tavecchio implichino l’effetto che si verifichi questo presupposto. Questo va valutato dal Coni. Il commissariamento è un atto grave che incide sulla vita di un ente che ha una sua autonomia e soggettività giuridica. Ha l’effetto di sciogliere gli organi e sostituirli con un altro organo fino a nuove elezioni. E’ molto invasivo”.

CONDIVIDI