FIFA, Busacca risponde agli attacchi di Buffon: “Bisogna prendere decisioni in un secondo, serve anche istinto”

Buffon

Le parole di Gianluigi Buffon nell’immediato dopo-gara di Real Madrid-Juventus sono destinate a far discutere ancora a lungo, con i tifosi, anche quelli bianconeri, che si dividono, tra chi appoggia l’uscita del portiere e chi lo attacca.

Intanto una risposta importante all’estremo difensore della Nazionale è arrivata dai vertici della FIFA, con Massimo Busacca, capo degli arbitri, che ai microfoni di Premium Sport ha dichiarato:

“Nella mia carriera ho sempre dovuto prendere delle decisioni in una frazione di secondo, e in meno di un secondo non ho mai avuto tempo di pensare a dov’ero e a quello che era successo prima. Il mestiere dell’arbitro è uno dei pochi in cui c’è bisogno di decidere in così poco tempo, non si può pensare a tante cose. E’ come per i portieri: devi parare con l’istinto, senza pensarci. Per noi è uguale. E’ un lavoro complicato, difficile, dobbiamo decidere a volte anche senza vedere, un grande arbitro deve basarsi sul suo istinto naturale. Chiaramente, se avessimo a disposizione dieci minuti potremmo anche pensare ad altre cose. Neanche un medico decide quello che deve fare in meno di un secondo”.

L’ex arbitro svizzero ha poi parlato del raduno dei direttori di gara a Coverciano in vista del Mondiale:

“Siamo come una squadra di calcio e come tale vogliamo allenarci. Insegniamo agli arbitri come muoversi, ci vuole grande intelligenza calcistica e quando è possibile bisogna anticipare, come un grande giocatore che deve essere nel posto giusto per segnare. Noi diamo delle direttive e delle indicazioni, poi ogni arbitro deve metterci del suo”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.